Umbria

Luigi Del Prete

Luigi Del Prete

Salve amici mi chiamo Luigi, vivo in provincia di Napoli , sono diplomato alla scuola alberghiera con diverse esperienze nel mondo del food, dalla cucina alla pasticceria, attualmente sono impiegato in un altro settore ma mi dedico alla mia passione, sono sempre in giro con la voglia di ricercare il buon cibo e con il desiderio di scoprire chi con il duro lavoro e con il talento delizia i palati. Mi piace viaggiare, scoprire nuove mete, ritrovare e riassaporare anche i piatti e le ricette dei nostri nonni, riportando ai sapori di un tempo. Ho abbracciato il progetto dei Templari del Gusto perché ne condivido profondamente la mission e la filosofia e mi sento "templare" nell'anima.

Martedì, 26 Luglio 2022 17:16

Pater Familias Ristorante. Paternopoli (Av)

L’Irpinia non smette mai di sorprenderci e deliziarci. Siamo a Paternopoli, paese che ha un’antica e radicata tradizione vitivinicola e contadina. Questa è terra di vino e meravigliosi prodotti della terra. Basti pensare tra gli altri al famoso broccolo aprilatico presidio Slow Food. Siamo in pieno centro storico e ci siamo fermati a pranzo da Pater Familias Ristorante. Partiamo dalla location che è davvero suggestiva: un palazzo nobiliare risalente al 1836, magistralmente ristrutturato. Antica dimora della famiglia Famiglietti, questo edificio è davvero un gioiello valorizzato alla grande da Francesco Anziano. 

Pater Familias Ristorante Paternopoli Esterno
Pater Familias Ristorante. Paternopoli - Esterno

In effetti oggi il Palazzo Anziano – Famiglietti è una struttura che rapisce l’ospite con la sua bellezza senza tempo, di grande bellezza sono le colonne del vestibolo di stampo neoclassico. Fantastici i dettagli, bellissime le sale, all’interno domina la pietra, una pietra che rassicura e avvolge, una pietra che racconta storie. 

Pater Familias Ristorante Paternopoli Particolare di una sala interna
Pater Familias Ristorante.  Paternopoli - Particolare di una sala interna

Una pietra che raccont a storie di un passato che riecheggia nelle sale di questo edificio e nelle proposte di cucina che raccontano il territorio con piatti che esaltano i prodotti e le materie prime dell’Irpinia. Una cucina che parte dalla tradizione ma che viene presentata in una chiave contemporanea. E’ comunque il trionfo della tradizione irpina, ma partiamo dal principio.  

Pater Familias Ristorante Paternopoli Cucina antica
Pater Familias Ristorante Paternopoli. Cucina antica 

Veniamo accolti con grande gentilezza da Francesco Anziano, il titolare che ci racconta con grande passione la storia del palazzo e dei suoi antenati. Dopo un piccolo giro e dopo aver ammirato tante cose fantastiche e oggetti antichi (anche un bellissimo albero genealogico di famiglia). Ci accomodiamo.
C’è la possibilità di optare per il menù degustazione (quattro proposte a scelta dello chef) oppure scegliere a la carte. Ci sono sei proposte di antipasti, sei primi e quattro secondi con un minimo comune denominatore: l’Irpinia. Ogni piatto racconta il territorio, il tutto grazie ad una scelta accurata delle materie prime e dei prodotti bio. La carta dei vini presenta una scelta accurata e attenta di vini irpini.
Noi scegliamo il menù degustazione e da bere ordiniamo un rosso prodotto proprio a Paternopoli, Ion di Stefania Barbot, un Campi Taurasini “possente”, ottenuto da aglianico questo vino ha un colore rosso rubino intenso, un profumo incredibile, bella nota floreale e sentore di frutti rossi e spezie. Presenta una buona persistenza. Un rosso davvero interessante. Cantina da tenere assolutamente d’occhio. Intanto arrivano i loro pani e focaccine.

I pani
I pani

E come entreé ecco una deliziosa montanarina, gustosa, con un fritto leggero e non unto.

Montanarina
Montanarina

Come antipasto la scelta dello chef cade su un tortino di patate e ortaggi con pancetta croccante e fonduta di caciocavallo. In pratica una rivisitazione “creativa” della classica ciambotta di verdure irpina. Ottimo inizio..

Tortino di patate ed ortaggi pancetta croccante e fonduta di caciocavallo
Tortino di patate ed ortaggi, pancetta croccante e fonduta di caciocavallo

Il primo è la maccaronara alla crema di piselli, menta e burrata. In una parola: delicatissima. La maccaronara è la pasta irpina per eccellenza, fatta a mano come tradizione vuole. Morbida e dal sentore dolce la crema di piselli che si sposa benissimo con la nota aromatica della menta.

Maccaronara alla crema di piselli menta e burrata
Maccaronara alla crema di piselli menta e burrata

Come secondo ecco il capocollo di maiale cotto a bassa temperatura su schiacciata di patate e verdure saltate. Morbidissima e gustosa la carne. Davvero un grande piatto.

Capocollo di maiale cotto a bassa temperatura su schiacciata di patate e verdurine saltate
Capocollo di maiale cotto a bassa temperatura su schiacciata di patate e verdurine saltate

Il menù degustazione prevede anche un dessert. Ecco la cheesecake ai frutti rossi, fresca e graditissima. Accompagniamo il dolce con un’altra chicca irpina. Due bicchierini di Don Fà, vino fortificato e aromatizzato con foglie di amarena, prodotto dall’azienda agricola Fabio de Beaumont di Castelvetere sul Calore. Realizzato secondo un’antica ricetta di famiglia, questo vino da fine pasto conquista per la sua aromatica forza.

Cheesecake ai frutti rossi
Cheesecake ai frutti rossi

Chiudiamo così il nostro pranzo da Pater Familias Ristorante e chiediamo il conto. Paghiamo 98 euro in due. Rapporto qualità prezzo fantastico. Basti pensare che il menù degustazione (senza vini) viene proposto a 35 euro a persona. Ma in generale il rapporto qualità – prezzo da Pater Familias Ristorante, se consideriamo la location, la qualità e il livello della proposta gastronomica è incredibile. Complimenti.

Pater Familias Ristorante a Paternopoli è una certezza. La location è meravigliosa: un antico edificio gentilizio che risale al 1836, recuperato e restaurato in maniera mirabile. Ideale anche per meeting, eventi, convegni, ricevimenti, mostre d’arte ed eventi culturali. Ma è la cucina che rapisce. Una cucina sorprendente che porta l’Irpinia in tavola grazie alla scelta di materie prime e prodotti del territorio che seguono rigorosamente la stagionalità, grazie alla bravura e tecnica dello chef e della sua brigata. Fantastica la maccaronara alla crema di piselli, menta e burrata. Da ricordare il capocollo di maiale cotto a bassa temperatura. Professionale e veloce il servizio. Abbiamo trovato davvero fantastico il rapporto qualità – prezzo. Pater Familias Ristorante a Paternopoli entra di diritto nella nostra guida sul web dei locali da non perdere. Questo è davvero un gioiello irpino. Da provare assolutamente, garantiamo noi.

 

 


Pater Familias Ristorante
Corso Vittorio Emanuele
Paternopoli (Av)
Tel. 349 672 0077
Visita il sito web di Pater Familias Ristorante

Venerdì, 26 Febbraio 2021 11:43

Baya Restaurant. Monte di Procida (Na)

Siamo nell’area flegrea a Monte di Procida, è sempre bello venire qui. Infatti spesso appena posso, faccio un salto da queste parti per godermi il mare e le bellezze del luogo. Questa zona è una delle più belle della Campania, è un territorio pieno di storia e bellezze naturalistiche. Monte di Procida viene spesso chiamata la terrazza dei Campi Flegrei e in effetti da qui il panorama è davvero stupendo.
Siamo venuti qui per pranzare da Baya Restaurant. Avevo adocchiato da un po’ questo indirizzo e l’occasione era trappo ghiotta per non fare una salto e provare la loro cucina.
Abbiamo prenotato in anticipo il nostro tavolo da due. Partiamo dalla location, intima e curata, un ristorantino che ha (tra le altre cose) la fortuna di trovarsi in una posizione stupenda, da qui infatti la vista è meravigliosa e davvero ti riconcilia con il mondo.

Il panorama
Il panorama

Dopo aver guardato il menù ordiniamo da bere una minerale e una bottiglia di Chardonnay Elena Walch. Fantastico con il suo colore giallo vivido, le note di fruttate e floreali e una personalità che lo rendono ideale per accompagnare il nostro pranzo.
Optiamo per il percorso che prevede quattro antipasti e primo piatto. Cominciamo con un sorprendente crumble di pane aromatizzato con cheesecake di mozzarella e gamberi. Meraviglioso e poi mi ha convinto il gioco di consistenze e l’abbinamento di gamberi e mozzarella. Delizioso…

Crumble di pane aromatizzato con cheesecake di mozzarella e gamberi jpg
Crumble di pane aromatizzato con cheesecake di mozzarella e gamberi 

Un buonissimo polpo arrostito su vellutata di zucca e patate.

Polpo arrostito con vellutata di zucca e patate
Polpo arrostito con vellutata di zucca e patate

Poi degli spiedini di ricciola (fantastici) con scarole e maionese homemade.

Spiedino di ricciola con scarola e maionese
Spiedino di ricciola con scarola e maionese

E per chiudere moscardini in guazzetto con un sughetto profumato e goloso che mi ha spinto a fare la scarpetta!

Moscardino in guazzetto
Moscardino in guazzetto

Tra una portata e l’altra mi godo il clima di convivialità, l’atmosfera rilassante e il panorama stupendo. Come primi abbiamo optato per un delicato e convincente risotto ai frutti di mare e zest di limone. Fatto davvero a regola d’arte. Complimenti...

Risotto ai frutti di mare e zest di limone
Risotto ai frutti di mare e zest di limone

Ma il top lo raggiugiamo con gli spaghetti ai ricci, cremosi, profumati, con sapore del mare dentro. Meravigliosi…

Spaghetti ai ricci
Spaghetti ai ricci

Saltiamo il secondo e prendiamo un dessert. Scelgo un semifreddo all’amaretto. Degna chiusura del nostro pranzo.

Semifreddo all'amaretto
Semifreddo all'amaretto

Prendiamo due caffè. Chiedo il conto e paghiamo 110 euro in due. Se consideriamo il costo del vino (25 euro) ho trovato corretto il rapporto qualità – prezzo, soprattutto se consideriamo la qualità delle proposte e il servizio preciso e professionale.

Baya Resaturant a Monte di Procida è stata davvero una piacevole scoperta. Ristorante piccolo, intimo, curato, raffinato nella sua semplicità. Le proposte di mare sono convincenti, i piatti bene eseguiti e la materia prima è davvero eccellente. Questo posto è un piccolo gioiello. Ho trovato il servizio professionale e preciso. Corretto il rapporto qualità – prezzo, adeguato al contesto e alla loro proposta di cucina. A rendere ancora più magico il tutto, un panorama che ti lascerà senza parole. Indirizzo decisamente da non perdere. Parola dei Templari del Gusto.

 

Baya Restaurant
Via Guglielmo Marconi, n. 17
Monte di Procida (Na)
Tel. 333 493 0550
Visita la pagina Fb di Baya Restaurant

Mercoledì, 09 Settembre 2020 21:43

La Taverna di San Giuseppe. Siena

Siamo nella splendida Siena uno dei gioielli italiani, con i suoi palazzi antichi e medievali, la suggestiva Piazza del Campo, la Torre del Mangia, il Duomo, il Battistero. Ma è tutta Siena che è stupenda con le sue strade e viuzze e quelle sfumature di colore che la rendono unica in un’atmosfera che sembra portarci indietro nel tempo. Nel centro della città c’è la Taverna di San Giuseppe dove abbiamo prenotato il nostro tavolo da due. Era già da un po’ che volevo provare questo ristorante che noi Templari del Gusto avevamo in agenda da un bel po’.
Cominciamo col dire che il locale è caratteristico e storico. C’è una cantina che può essere visitata ed è stupenda con oltre 600 etichette italiane ma anche qualcuna estera e un ben di Dio di formaggi. Pensate che la cantina addirittura risale all’epoca etrusca. Mentre la sala in tipici mattoncini è di età romana. Questo per dire che alla Taverna di San Giuseppe la storia la respiri, la vedi, la tocchi. Veniamo accolti con grande cortesia, ci accompagnano al nostro tavolo.

Un angolo della cantina con un trionfo di formaggi
Un angolo della cantina con un trionfo di formaggi

Prima di ordinare ci offrono due calici di bollicine e un graditissimo entrée: vellutata di piselli e tris di focaccine. Che bontà!

Passata di piselli
Vellutata di piselli

Da bere ordiniamo una bottiglia di vino francese: un Côte du Rhône di Guigal. Una vera garanzia. Gradevole, con sentori di frutti neri e spezie. Un vino possente e pieno di personalità ottenuto da uve in prevalenza di shyra. Una grande bottiglia ad un costo accessibile (come leggerete dopo).

Il vino francese E. Guigal Côtes du Rhône 2015
Il vino francese di Guigal Côtes du Rhône 2015

Abbiamo poi ordinato due primi: delle intriganti e deliziose tagliatelle al cacao con ragù di cinghiale cotto nel latte e per questo di una delicatezza e morbidezza che non vi dico…. Gran piatto.

Tagliatelle al cacao con ragù di cinghiale
Tagliatelle al cacao con ragù di cinghiale

E che dire degli spaghetti cacio e pepe con fave e guanciale senese ? Pazzeschi. Un piatto che da solo vale la visita.

Spaghetti cacio e pepe con fave e guanciale senese
Spaghetti cacio e pepe con fave e guanciale senese

Qui alla Taverna di San Giuseppe sono gentili e il servizio è preciso e professionale. Ci hanno addirittura offerto un assaggio di gnocchetti con fonduta e tartufo nero per accompagnare il nostro vino. Bravi!

Gnocchetti con fonduta e tartufo nero
Gnocchetti con fonduta e tartufo nero

Sarà l’atmosfera particolarissima, sarà questo clima di estrema e piacevole convivialità, sarà che volevamo terminare la nostra bottiglia abbinando il vino alla carne. Prendiamo anche un secondo a testa. Un petto d’anatra ai frutti di bosco e patate arrosto, molto buono e un delizioso galletto ruspante al mattone con aromi mediterranei. Super!

Galletto ruspante con aromi mediterranei
Galletto ruspante con aromi mediterranei

Anche qui ci offrono una porzione di cinghiale cotto al latte, (hanno deciso di viziarci).

Spezzatino di cinghiale cotto al latte
Spezzatino di cinghiale cotto al latte

Come contorno ordiniamo delle patate al forno. Ebbene si, ci stavano tutte… Prima di congedarci facciamo una visita alla cantina, davvero una chicca, un luogo in cui ti fermi assorto e pensi: che bellezza! Chiediamo il conto e paghiamo 103 euro in due. Rapporto qualità prezzo fantastico se pensate che la bottiglia di vino francese è costata 30 euro.

La Taverna di San Giuseppe rappresenta un punto fermo. E’ una certezza, il locale è stupendo e intriso di storia e tradizione, il servizio professionale e preciso, gentilezza e accoglienza al top con una grande attenzione alle esigenze e alle richieste del cliente.
La cucina è quella della tradizione sia pure rivisitata con un piccolo tocco di modernità, fantastiche le materie prime e i prodotti utilizzati che vengono lavorati senza essere stravolti. In definitiva una cucina che regala certezze e non delude mai, il tutto in un contesto di grande suggestione. Abbiamo trovato poi un fantastico rapporto qualità prezzo.
Se sei a Siena non puoi non venire alla Taverna di San Giuseppe, parola dei Templari del Gusto. Consigliatissimo.



La Taverna di San Giuseppe
Via Giovanni Duprè n.132
Siena
Tel. 0577 42286
Visita il sito della Taverna di San Giuseppe

Lunedì, 31 Agosto 2020 22:46

Taverna Il Gozzoviglio. Cortona (Ar)

In viaggio alla scoperta della Toscana ci fermiamo una giornata a Cortona, incantevole borgo in provincia di Arezzo ricco di monumenti e di storia. C’è da rimanere incantati passeggiando nel suo centro storico, con lo sguardo rapito da chiese, palazzi antichi, botteghe tradizionali e scorci suggestivi. Chiaramente non trascuriamo il lato gastronomico. Qui siamo in un vero Paradiso del food: questa è zona in cui si trova la famosa chianina, e poi i vini toscani e un olio d’oliva eccellente. Visto che si fa sentire un certo languorino, decidiamo di fermarci per una breve pausa alla Taverna il Gozzoviglio, abbiamo avuto la fortuna di trovare un tavolo da due.
Il locale è centralissimo, ci accomodiamo. All’interno si respira un’aria familiare, tavoli e sedute in legno chiaro, arredo semplice e sobrio. Noi ordiniamo una minerale e due calici di Sangiovese Toscana I.G.T. Fonte al Cerro Surus di Ellevi, un vino di un bel colore rubino, elegante, strutturato, con spiccata personalità e con sentori di frutti rossi e cuoio. Ottima scelta.
Optiamo per due primi tipici: le mitiche tagliatelle al ragù di chianina, una vera istituzione. Fatte come si deve, con in ragù corposo e tirato alla perfezione.

Tagliatelle al ragù di chianina
Tagliatelle al ragù di chianina

L’altro primo non è da meno e anche qui ci muoviamo nella tradizione nuda e pura: pappardelle al ragù d’anatra. Semplicemente spettacolari. Cosa non secondaria le porzioni sono abbondanti e appaganti. Davvero due ottimi primi piatti.

Pappardelle al ragù danatra
Pappardelle al ragù d'anatra

Qui alla Taverna il Gozzoviglio si sta davvero bene, l’ambiente è davvero piacevole, si vive un po’ l’atmosfera delle osterie di altri tempi. Anche il personale fa la sua parte, sono tutti molto gentili e attente ad ogni richiesta ed esigenza dei clienti. Bravi.
Non possiamo andar via senza provare un secondo, scegliamo il filetto di cinta senese con pistacchi e prugne. Notevole e di grande qualità la carne.

Filetto di cinta senese con pistacchi e prugne
Filetto di cinta senese con pistacchi e prugne

Poi un contorno della tradizione, un bel piatto di fagioli all’uccelletto. Uno dei must della cucina toscana, che bontà!

Fagioli alluccelletto
Fagioli all'uccelletto

Prendiamo un caffè al volo e chiediamo il conto. Paghiamo per 2 primi, un secondo, un contorno e due calici di vino solo 36 euro! Qui alla Taverna il Gozzoviglio si mangia bene e toscano a prezzi onestissimi.

La Taverna il Gozzoviglio a Cortona è come un vecchio amico che ritrovi con piacere anche a distanza di tempo e sai che non ti tradirà mai. L’atmosfera è gradevole, quella tipica delle osterie di un tempo. Si mangia la tipica cucina toscana, i piatti sono ben cucinati (e le porzioni abbondanti). Il rapporto qualità prezzo è da non credere. Nota di merito per il personale, gentile, solerte e sempre pronto a venire incontro alle richieste dei clienti. Garanzia. Se siete da queste parti merita senz’altro una visita.

Taverna Il Gozzoviglio
Via Guelfa n.9
Cortona
Tel. 0575 601778
Visita la pagina Fb della Taverna Il Gozzoviglio

Giovedì, 03 Settembre 2020 22:00

Ristorante degli Archi. Montepulciano (Si)

Arriviamo a Montepulciano un incantevole borgo medievale non molto distante da Siena. Montepulciano è un vero gioiello, con un centro storico delizioso, pieno di palazzi antichi (molti di epoca rinascimentale) e poi chiese, stradine e botteghe artigiane e di gastronomia. Altra cosa suggestiva è il panorama che si può ammirare da qui, il paese infatti si trova su un colle che domina la Val D’Orcia e la Val di Chiana, lo sguardo da qui si perde. E poi tutto intorno ci sono i vigneti che producono il famoso Nobile di Montepulciano.
Per cena abbiamo prenotato il nostro tavolo da due al Ristorante degli Archi. Siamo tra i vicoli nel centro storico di Montepulciano. Il locale è molto caratteristico, con arredo particolare e che lascia comunque una piacevole sensazione. Il soffitto bellissimo con le travi antiche in legno, il colore rosso alle pareti che regala calore, domina il legno e poi ci sono tanti oggetti di arredo e di stile. Davvero molto bello. Si può mangiare all’interno e nelle calde sere estive anche all’aperto sotto il portico.

Ristorante degli Archi Montepulciano Si Particolare sala interna
Ristorante degli Archi Montepulciano - Particolare sala interna

Noi prendiamo da bere una minerale e un calice di vino Nobile di Montepulciano (chiaramente) e cominciamo con un bel tagliere di formaggi senesi con confetture.
Nota di merito per il pecorino che era eccezionale, bello sapido e pungente.

Tagliere di formaggi senesi
Tagliere di formaggi senesi

Proseguiamo con due primi: dei sorprendenti gnocchi ripieni di pecorino con fonduta al tartufo, profumati e gustosi.

Gnocchi ripieni al pecorino con fonduta al tartufo
Gnocchi ripieni al pecorino con fonduta al tartufo

Ma il top lo raggiungiamo con i classici pici con la carbonara senese al tartufo. Una vera esplosione di profumo e sapore. Un piatto che ho apprezzato molto e che da solo vale la visita.

Pici con carbonara senese al tartufo
Pici con carbonara senese al tartufo

Avrei voluto provare anche il cinghiale brasato come secondo, ma era terminato, un buon motivo per ritornare. Facciamo un giro di caffè e paghiamo per il nostro pranzo 55 euro in due. Corretto il rapporto qualità prezzo.

Il Ristorante degli Archi a Montepulciano è un indirizzo che non può mancare in agenda. Il locale è nel cuore del centro storico ed è molto caratteristico con tanti oggetti e arredamento particolare. Domina il legno, questo è un luogo che trasmette un senso di calore e dove si sta bene. Veniamo alla cucina, davvero di qualità (fantastici i pici alla carbonara senese, provateli), tornerò per provare anche la carne.
il servizio è preciso e veloce, l’accoglienza super e piena di calore. Fornita la carta dei vini. Il titolare è cortese e simpatico. Insomma ci sono tutti gli ingredienti per trascorrere ore piacevoli. Indirizzo da segnare in agenda, consigliatissimo.

 

Ristorante degli Archi
Piazzetta San Cristofano n.2
Montepulciano (Si)
Tel. 388 930 8947
Visita la pagina Fb del Ristorante degli Archi

Mercoledì, 26 Agosto 2020 14:53

Orto Osteria dalla terra. Gubbio (Pg)

Eravamo di passaggio nello splendido borgo di Gubbio, cittadina medievale umbra con un centro storico bellissimo. Dopo aver visitato le sue bellezze architettoniche, in particolare Palazzo dei Consoli con la imponente facciata gotica, il Palazzo Ducale e il Duomo e dopo un pomeriggio trascorso in giro per le stradine suggestive tra negozi e botteghe ci siamo fermati per una cena veloce da Orto Osteria dalla terra.
Abbiamo prenotato il nostro tavolo da due con qualche ora di anticipo. Il locale si trova nel centro di Gubbio. E’ piccolo ma molto curato, due sale con un arredo essenziale e minimal. Tavoli in legno e piccole piante alle pareti per richiamare il legame con la terra.
Nel complesso c’è una bella atmosfera. Siamo curiosi di provare qualcosa anche perché non è cosa semplice trovare un ristorante vegetariano in Umbria. Era un’esperienza che andava fatta.
Il menù è ben concepito e studiato, poche proposte ma interessanti: 5 proposte di antipasti, 5 primi e poi i secondi e i dessert. Tutto studiato per esaltare i prodotti della terra, un trionfo di verdure e legumi. Noi scegliamo dal menù un antipasto e due primi.
Da bere prendiamo una minerale e un calice di Montefalco bianco per restare nel territorio.
Prima dell’antipasto ci servono un gradito entrèe: zucchine dell’orto saltate con olio umbro e pane carasau. Interessante, gustose e bello il gioco di consistenze. MI è piaciuto in particolare l’abbinamento con il pane carasau che gli dà una bella nota croccante.

Zucchine saltate con olio umbro e pane carasau
Zucchine saltate con olio umbro e pane carasau

Eccezionale l’uovo al forno con fonduta di pecorino e tartufo nero fresco. Come fai a mangiare e non farti la scarpetta ?

Uovo al forno con fonduta di pecorino e tartufo nero fresco
Uovo al forno con fonduta di pecorino e tartufo nero fresco

Prendiamo anche due primi: dei buonissimi passatelli con funghi porcini, crema di melanzana e pistacchi tostati. Anche qui il piatto mi ha convinto.

Passatelli con funghi porcini crema di melanzana e pistacchi tostati
Passatelli con funghi porcini crema di melanzana e pistacchi tostati

Il top lo raggiungiamo con gli spaghetti alla chitarra alla “carbonara” di verdure. Belli cremosi, avvolgenti e gustosi. Per chi è abituato alla classica carbonara col guanciale sembrerà strano mangiare le verdure tagliate a dadini e invece… Piatto sorprendente.

Spaghetti alla chitarra con carbonara di verdure
Spaghetti alla chitarra con carbonara di verdure

Non ci fermiamo oltre perché purtroppo dobbiamo rientrare. Ma mi riprometto di tornare per provare altre loro proposte. Prendiamo un caffè e chiediamo il conto. Abbiamo pagato 37 euro per un antipasto, calice di Montefalco e due primi. Assolutamente corretto il rapporto qualità prezzo.

Orto Osteria dalla terra a Gubbio è stata una piacevolissima scoperta. Si trova nel cuore del centro storico. Come scritto in precedenza non è semplice trovare un locale vegetariano in Umbria. Qui la cucina è interessante, i piatti sono fatti alla perfezione con prodotti genuini e di qualità. I prodotti e le materie prime vengono selezionale e scelte con cura e attenzione, prodotti bio e tanta passione, dando vita a piatti davvero gustosi, concepiti nel rispetto della filosofia vegetariana e della stagionalità.
Mangiare una carbonara ma di verdure così buona è stata la chicca della serata. Bella anche la presentazione dei piatti. Servizio attento e preciso. Si sta davvero bene. Torneremo di sicuro a provare altro e intanto ve lo consigliamo. Indirizzo sicuramente da segnare in agenda.


Orto, Osteria dalla terra
Via Cavour n.27
Gubbio (Pg)
Tel. 075 927 7671
Visita la pagina Fb di Orto, Osteria dalla terra

Lunedì, 02 Settembre 2019 14:05

Trabocco San Giacomo. Marina di San Vito (Ch)

Siamo a Marina di San Vito, frazione sul mare del borgo di San Vito Chietino. Il pesino sorge su uno sperone di roccia che guarda da un lato il mare dall’altro le verdi colline e la Majella. Scendendo verso il mare troviamo Marina di San Vito, pittoresca, ricorda quei piccoli villaggi balneari dove tutto sa di mare e dove il tempo sembra fermarsi. Uno dei simboli di questa costa d’Abruzzo sono i trabocchi, simili a palafitte queste “macchine da pesca” un tempo erano anche le abitazioni dei pescatori. Questo tratto di costa ne è pieno, non a caso è denominato “Costa dei Trabocchi”. Proprio in un Trabocco abbiamo deciso di pranzare e precisamente al Trabocco San Giacomo. Già arrivando lo spettacolo è notevole, la location è decisamente marinara, chiaramente prevale il legno, addobbi e suppellettili in stile marinaresco, e una vista pazzesca. Non ci sono molti coperti quindi conviene sempre prenotare il proprio tavolo.

Il trabocco direttamente sul mareIl trabocco direttamente sul mare

Ci accomodiamo e abbiamo la fortuna di avere un tavolo vista mare. Spettacolo..... 

Trabocco San Giacomo. Marina di San Vito (Ch) - Tavolini sul mareTrabocco San Giacomo. Marina di San Vito (Ch) - Tavolini sul mare

Diamo un’occhiata al menù, chiaramente qui si trova esclusivamente cucina di mare. C’è anche la possibilità di optare per un menù degustazione da due, tre o quattro portate (a scelta dal menù), rispettivamente a 22, 30 e 35 euro (escluso vino e coperto) o per il menù completo da 5 portate a 40 euro. Noi optiamo per quest’ultimo. Da notare come acqua, il caffè e i dolcetti finali siano inclusi nel prezzo dei menù degustazione.

Si comincia con un entrée molto gradito: polpo con cavolo rosso e zenzero, il polpo era morbido e ho trovato interessante l’abbinamento con lo zenzero.

Polpo con cavolo rosso e zenzeroPolpo con cavolo rosso e zenzero

Ecco poi un piatto di sgombro con cipolla caramellata e pinoli. Fresco e ben cucinato lo sgombro, azzeccato l’accostamento con la cipolla caramellata che gli da un tocco dolciastro.

Sgombro con cipolla caramellata e pinoliSgombro con cipolla caramellata e pinoli

Seconda proposta di antipasto: un buonissimo baccalà con uvetta, pinoli e pane raffermo, essenziale per poterlo “inzuppare” nel suo meraviglioso sughetto.

Baccala uvetta e pinoli con pane raffermoBaccala uvetta e pinoli con pane raffermo

Il nostro pranzo procede alla grande, restiamo incantati guardando il mare o meglio pensando che stiamo pranzando proprio “sul mare”. E’ il momento dei primi, ci servono dei sorprendenti spaghetti con vongole e curcuma. Confesso che mai avrei immaginato di trovare un simile abbinamento ma devo dire che è stato eccezionale. Gustosi, delicati, cremosi. Gran piatto.

Spaghetti vongole e curcumaSpaghetti vongole e curcuma

Poi ci siamo consolati con del pesce in guazzetto e peperoni dolci. Guazzetto fatto a regola d’arte e bello il connubio della sapidità del pesce e della nota dolce dei peperoni. Buonissimo davvero ….

Guazzetto con peperoni dolciGuazzetto con peperoni dolci

E’ il momento del secondo, ecco una bella grigliata di pesce: gamberi,calamaro,sgombro con contorno di peperoni e zucchine. Una grigliatina di pesce ci voleva proprio.

Grigliata di pesce gamberi, calamaro, sgombro e contorno di peperoni e zucchineGrigliata di pesce gamberi, calamaro, sgombro e contorno di peperoni e zucchine

Siamo sazi ma come scritto in precedenza arrivano le coccole finali offerte e allora genziana (un must da queste parti), caffè del marinaio con pizzelle della tradizione, amaretto e dolcetti al limone.

genziana, caffe del marinaio con waffel, amaretto e dolcetti al limonegenziana, caffe del marinaio con pizzelle della tradizione, amaretto e dolcetti al limone

Paghiamo poco più di 40 euro a persona (abbiamo preso anche un calice di Pecorino DOC, un bianco che ben ha accompagnato il nostro pranzo di pesce).

Trabocco San Giacomo è stata un piacevole scoperta. Abbiamo mangiato bene in una location davvero spettacolare. Il Trabocco ha sempre il suo perché. Qui trovate un’ottima cucina di mare, ben presentata, gentilezza e un buonissimo rapporto qualità-prezzo: il menù completo a 40 euro è davvero conveniente. Il servizio è professionale e il personale gentile. Dobbiamo fare i complimenti alla chef e padrona di casa Vilma, davvero eccezionale. Se siete in zona è un indirizzo da non perdere (ma non dimenticate di prenotare). 

 

Trabocco San Giacomo
Via Lungomare di Gualdo
Marina di San Vito. San Vito Chietino (Ch)
Tel. 327 779 1741
Visita la pagina Fb di Trabocco San Giacomo

Lunedì, 01 Ottobre 2018 02:20

Satyricon. Formia (Lt)

A due passi dal Cisternone un ristorante da non perdere.

Siamo stati a Formia uno dei luoghi turistici più importanti del Lazio. Figlia di un passato antico, Formia non è solo mare e vacanze ma è ricca di storia. Dopo aver visitato il suggestivo centro storico (il Rione Castellone) veniamo rapiti dal Cisternone romano , opera idraulica costruita in età imperiale. Imponente e bellissimo. Dopo questa visita emozionante decidiamo di fermarci a cena in un ristorante a due passi dal monumento: il Satyricon

E’ fine Estate c’e una temperatura ancora piacevole. Giunti al locale veniamo accolti da personale di sala che ci fa accomodare nella piazzetta adiacente al ristorante.

Prima di accomodarci diamo uno sguardo alla struttura interna, un locale semplice in stile moderno dove prevale il bianco. Ci sediamo come detto all’esterno e veniamo accolti con un calice di prosecco e un entrée piacevole: melanzana, pomodoro e mozzarella.

Entrée okEntrée

Diamo uno sguardo al menù, intanto ordiniamo del vino Fiano, per il resto decidiamo di lasciare libero  sfogo alla fantasia creativa dello chef.

Come antipasto  ci viene servito un tortino di patata morbida con polpo e una deliziosa rosa di salmone danese affumicato artigialmente al profumo di mirto.  Il piatto anche bello da vedere  è delicato, il salmone è superlativo e il polpo ha una cottura pressoché perfetta.

Tortino di patate con polpo e rosa di salmone danese affumicato al profumo di mirtoTortino di patate con polpo e rosa di salmone danese affumicato al profumo di mirto

Ecco un assaggio di primo scelto dallo chef: fettuccine al nero di seppia con fiori di zucca e tartare di gamberi rossi. Credetemi una vera delizia, a cominciare dalla pasta fatta in casa fino alla materia prima e i prodotti di alto livello. Ho gradito molto il contrasto caldo freddo della pasta con la tartare di gamberi delicatissima e gustosa.

Fettucine al nero di seppia con fiori di zucca e tartare di gamberi rossiFettucine al nero di seppia con fiori di zucca e tartare di gamberi rossi

Già questo piatto ci conquista e ci appaga. Stiamo trascorrendo una bella serata che continua con l’altro assaggio propostoci: gnocchi di patate con baccalà e pomodorini gialli. Ottimi!

Gnocchi di patate con baccalà e pomodorino gialloGnocchi di patate con baccalà e pomodorino giallo

Come secondo piatto decidiamo di prendere 2 pietanze differenti: una frittura di gamberi e calamari.

Frittura di gamberi e calamariFrittura di gamberi e calamari

E un’ intrigante spigola fritta. La frittura è asciutta con un’ impanatura perfetta,  il pescato freschissimo, morbido e saporito. Nota di merito per la spigola. Eccezionale … L’abbiamo gustata altrove in mille modi ma mai così. Meravigliosa ci fa godere appieno del sapore del mare..

Spigola frittaSpigola fritta

Lo chef dalla cucina ci chiede un nostro parere visto che questa è una ricetta antica tramandata dal padre. La risposta non può che essere positivo. Davvero buona..

Per finire chiediamo un solo dessert, optiamo per un vasetto di cheesecake ai frutti di bosco con base di biscotto. Terminiamo così in dolcezza nel migliore dei modi una serata davvero piacevole.  Abbiamo trovato un bel centro storico ed un ristorante interessante. Chiediamo il conto e paghiamo 35 euro a persona per 3 antipasti, 3 assaggi di fettuccine, 3 assaggi di gnocchi, due secondi, un dessert, vino della casa e 2 minerali. Direi un corretto rapporto qualità – prezzo.

Abbiamo scoperto un ristorante davvero notevole. Si nota la volontà del giovane chef di proporre una cucina di livello con una attenzione importante alle materie prime. Il pesce poi è freschissimo e cucinato alla perfezione.  Sapete bene che in località molto frequentate non è semplice trovare ristoranti non turistici. Satyricon merita una visita, provatelo e ci darete ragione.

Satyricon
Via Traiano n. 32
Rione Castellone. Formia (Lt)
Tel.  391 401 9842
Visita la pagina Facebook di Satyricon Formia

    

Articoli di Tendenza

nasce con una finalità ben precisa: proporsi come un nuovo modo di raccontare il food, dinamico, creativo, accattivante, fuori dai soliti schemi.

Search