Dolci

Mercoledì, 25 Maggio 2022 12:13

Cocotte Osteria Mediterranea. Benevento

Siamo nel cuore del meraviglioso centro storico di Benevento. A pochi passi da Corso Garibaldi in Piazza Guerrazzi c’è Cocotte Osteria Mediterranea. Ci siamo fermati qui a pranzo.
Entrando le cose che colpiscono sono tante: l’atmosfera che invita alla convivialità, l’arredo curato e studiato nei dettagli, la scelta dei colori, la mise en place sobria ma al contempo raffinata. Insomma questo è davvero un angolo di buon gusto nel cuore del capoluogo sannita. La garanzia poi si chiama Nunzia, si proprio così. Infatti al timone di Cocotte ci sono Antonio e Laura, figli della mitica signora Nunzia, una vera istituzione, capace negli anni con il suo ristorante di deliziare centinaia di migliaia di ospiti con la sua cucina della tradizione. La signora Nunzia di tanto in tanto è presente anche qui, sempre pronta a chiacchierare con ospiti e clienti.

Cocotte Osteria Mediterranea Insegna
Cocotte Osteria Mediterranea - Insegna

Cocotte rappresenta una chiara evoluzione e ha una filosofia ben precisa: propone una cucina in chiave gourmet ma non troppo spinta. Tutto comincia dalla tradizione, una tradizione che viene esaltata con piatti, proposte e preparazioni che partono da una materia prima eccellente, da un pescato sempre fresco e dal rispetto della stagionalità dei prodotti.
Colpisce anche la scelta del nome, e ne parlerò dopo: Cocotte, osteria mediterranea, perché il Mediterraneo è la culla della nostra civiltà, è storia, è tradizione, è un luogo di accoglienza e ospitalità. La stessa sensazione che si prova venendo qui.

Un particolare della sala interna
Un particolare della sala interna

Ci accomodiamo e diamo uno sguardo al menù e alla carta dei vini. Il menù è studiato e ben calibrato, in grado di accontentare un po’ tutti con proposte sia di carne che di pesce. Ci sono nove antipasti, poi i fantastici crudi di mare chiamati in carta “gli assoluti di mare”, nove primi, nove secondi e i dessert. La carta dei vini è curata e propone etichette campane, italiane ma anche vini e bollicine francesi.
Ordiniamo da bere due calici. Un calice di Sannio Piedirosso DOP di Fontanavecchia, un rosso che conosciamo bene e apprezziamo, ottenuto da uve Piedirosso in purezza, di un bel colore rosso porpora, profumato, con note di frutti rossi e sentori di liquirizia che presenta dei tannini delicati. Del resto Fontanavecchia, l’azienda di Torrecuso capitanata da Libero Rillo è una garanzia.
Personalmente opto per un calice di Chardonnay della Cantina Puiatti ottenuto da uve 100% Cardonnay cresciute nel territorio di Romans D’Isonzo in provincia di Gorizia. Un bianco del Friuli quindi, di un bel giallo paglierino intenso, con note floreali e di frutta gialla e con una spiccata mineralità.

Chardonnay Puiatti
Chardonnay Puiatti

Cominciamo ordinando gli antipasti. Gustoso il polpo alla paprika dolce con spuma di patate al fumo, nocciola e yuzu. Bella la nota croccante della nocciola, avvolgente la spuma di patate con il suo sentore di fumo, la paprika dolce abbraccia ma non copre il polpo, il tocco in più la presenza dello yuzu, questo meraviglioso agrume aromatico proveniente dall’Asia.

Polpo alla paprika dolce con spuma di patate al fumo nocciola e yuzu
Polpo alla paprika dolce con spuma di patate al fumo nocciola e yuzu

Meravigliosa la burrata con alici del Cantabrico, tarallo sbriciolato, basilico e pomodori confit. Fresca e goduriosa la burrata che fa l’amore con le sublimi alici del Cantabrico. Un connubio che regala emozione quello con la tenue sapidità delle alici. Il tarallo sbriciolato regala la croccantezza e a chiudere il tutto la dolcezza del pomodoro confit. Un piatto studiato alla perfezione.

Burrata con alici del Cantabrico tarallo basilico e pomodori confit
Burrata con alici del Cantabrico, tarallo, basilico e pomodori confit

L’altro antipasto è un must di Cocotte: i cannoli di burrata su crema di piselli e pistacchio. Una gioia per gli occhi e per il palato. Delicati e buonissimi.

Cannoli di burrata su crema di piselli e pistacchio
Cannoli di burrata su crema di piselli e pistacchio

Siamo partiti alla grande. Antonio è sempre presente e passa per controllare che tutto stia andando bene, Non potrebbe che essere così. E’ il momento dei primi. Abbiamo scelto un fuori menù, dei fagottini alla Nerano, delicatissimi e gustosi con unbel tocco di sapidità grazie alla generosa presenza del provolone del Monaco.

Fagottini alla Nerano
Fagottini alla Nerano

Se i fagottini ci sono piaciuti con le eliche alla caprese di crudo di gamberi di Mazara raggiungiamo livelli altissimi. Perfetta la cottura della pasta, delicati e freschissimi i gamberi. Un primo che mi ha conquistato. Chapeau.

Eliche alla caprese di crudo di gambero rosso di Mazara
Eliche alla caprese di crudo di gambero rosso di Mazara 

Passiamo ai secondi. Uno di carne e uno di pesce, ecco il maialino porchettato con broccoli, patate e salsa di papaccelle. Il maialino si scioglieva letteralmente in bocca, la salsa di papaccelle e i broccoli l’accompagnavano degnamente così come il delicato purè di patate, quasi una spuma. Spettacolo..

Maialino porchettato con broccoli patate e salsa di papaccelle
Maialino porchettato con broccoli, patate e salsa di papaccelle

Poi scelgo una fritturina di calamari, davvero ottima. Fritto asciutto, non unto.

Fritturina di calamari
Fritturina di calamari

E’ Domenica e il dolce ci sta tutto. Anche qui c’è l’imbarazzo della scelta alla fine ordiniamo un dessert chiamato pistacchio stregato ossia cremoso di cioccolato bianco e strega, biscotto sablè alle mandorle, gelato al pistacchio di Bronte e lamponi.

Pistacchio Stregato
Pistacchio Stregato

E poi un dessert particolare. La sfera tiramisù, ossia una sfera di cioccolato fondente ripiena di mousse al mascarpone, crumble al cacao e caffè che viene versato su e assembla il tutto.

Sfera di Tiramisù
Sfera di Tiramisù

Accompagno il dolce con un bicchierino di liquore Strega, (of course siamo a Benevento). Da un po’ non lo bevevo, piacevolissimo. Degna chiusura del nostro pranzo.

Liquore Strega
Liquore Strega

Ci intratteniamo qualche minuto, chiacchierando piacevolmente con Antonio e la mitica signora Nunzia e dopo chiediamo il conto. Paghiamo 60 euro a persona. Rapporto qualità prezzo assolutamente corretto.

Cocotte Osteria Mediterranea a Benevento è un luogo di eccellenza. Il locale è curato e regala una piacevole sensazione di ospitalità. Tutto è studiato alla perfezione, dai colori alle sedute, dallo spazio ampio tra i tavoli alle luci, dagli oggetti d’arredo alla mise en place. La cucina poi è una chiara evoluzione di quella della tradizione, senza eccessi però. Una cucina che emoziona e conquista grazie a piatti studiati, grazie ad una tecnica di base invidiabile e a prodotti e materie prime di assoluta qualità. Il pescato è freschissimo e tutte le proposte seguono rigorosamente la stagionalità dei prodotti. Meravigliosa la burrata con alici del Cantabrico, intrigante il polpo alla paprika dolce, da provare i cannoli di burrata su crema di piselli e pistacchio. Le eliche alla caprese di crudo di gamberi di Mazara sono paradisiache e ancora me le ricordo. Particolari i dessert.
Ah dimenticavo, qualcuno si starà ancora chiedendo perché il nome Cocotte e da dove derivi. Me lo ha spiegato Antonio con un racconto quasi emozionale e sensoriale. La cocotte come è noto, è un’antica e tipica pentola di tradizione francese, e la cocotte in questione era quella della nonna che veniva utilizzata nelle grandi occasioni e nei giorni di festa per cucinare piatti memorabili. Ci si riuniva a tavola, si mangiavano piatti meravigliosi, si stava bene. Quindi l’associazione della “cocotte” con cui la nonna cucinava in quei giorni, con la sensazione di benessere e di felicità è quasi automatica. Ecco quindi la scelta del nome, qualcosa che richiami alla mente la tradizione e la sensazione di benessere e felicità. Da notare poi che la cocotte della nonna ha più di cento anni, esiste ancora ed è gelosamente conservata come una sorta di reliquia del gusto. Queste sono storie che emozionano, storie che fanno bene. Quelle che amo raccontare.
Cocotte Osteria Mediterranea a Benevento è una certezza. Garantiamo noi. 

 


Cocotte Osteria Mediterranea
Piazza Guerrazzi n. 12
Benevento
Tel. 0824 279354
Visita il sito web di Cocotte Osteria Mediterranea

Pubblicato in Campania

Siamo a Saviano città nota tra le altre cose per il Carnevale Savianese che ha origini molto antiche e una tradizione importante. Proprio sul centralissimo Corso Italia c’è il nuovo locale di Ciro Sasso: #Fiammafredda Bakery Concept, una scommessa vinta per lui. Sono anni che seguiamo Ciro Sasso nelle sue varie esperienze e abbiamo avuto sempre grande stima di lui e apprezziamo tantissimo il suo lavoro fatto di passione e ricerca costante. Non potevamo farci scappare l’occasione di passare qui per gustare le sue pizze. Questo è il grande sogno di Ciro: aprire un locale tutto suo dove poter esprimersi al massimo senza compromessi e dove presentare agli ospiti il suo concetto di pizza. Il locale è molto carino, giovanile e regala una piacevole sensazione di convivialità. Ci sono due ambienti interni e un grande spazio esterno con la possibilità nella bella stagione, di accomodarsi anche sotto il comodo dehors.

Fiammafredda Bakery Concept di Ciro Sasso Insegna esterna
Fiammafredda Bakery Concept di Ciro Sasso Insegna esterna

Insomma ci sono gli ingredienti giusti per trascorrere una bella serata. L’accoglienza di Ciro Sasso è calorosa nonostante la pizzeria sia super piena. Dopo un po’ di prevedibile attesa ci accomodiamo e diamo uno sguardo al menù. Potremmo definirlo menù smart, semplice ma comunque studiato nei dettagli, ci sono i fritti definiti Fry-Up concept con delle chicche come la trilogia di crocchè, le montanarine, il pacchero fritto, le frittatine, poi le pizze fritte definite Fried Pizza Concept, le pizze definite tradizionali, e le Bakery Concept, con una grande attenzione alla stagionalità dei prodotti, alla qualità e agli abbinamenti. Cominciamo con qualche coccola fritta. Ecco la frittatina con salsiccia e friarielli, un abbinamento classico e tradizionale nobilitata dalla fonduta di parmigiano.

Frittatina salsiccia e friarielli con crema di parmigiano
Frittatina salsiccia e friarielli con crema di parmigiano

La frittatina è goduriosa, perfetta la cottura della pasta, ben calibrati gli ingredienti, nota di merito per la panatura a dir poco perfetta.

Frittatina Dettaglio ripieno
Frittatina - Dettaglio ripieno

Poi decidiamo di gustare una trilogia di crocchè: con mortadella e pesto di pistacchio, con cotto e cremoso di parmigiano e con le cozze e il pecorino. Decisamente invitanti, ho trovato deliziosa in particolare quella con il cotto e il cremoso di parmigiano.

Trilogia di crocchè
Trilogia di crocchè

Avevo visto delle patate invitanti ad un tavolo vicino. Detto fatto, le ordiniamo. Ecco le chips con pepe e zest di limone. Anche qui bisogna dire che il fritto è perfetto, asciutto e non unto.

Patatine pepe e lime
Patatine pepe e lime

Dopo queste coccole fritte si comincia con le pizze. Ordiniamo una Rita Levi Montalcini con crema di tartufo nero, salsiccia a punta di coltello, provola affumicata, pomodoro secco, burrata pugliese, tarallo napoletano, olio Evo e basilico. Semplicemente meravigliosa….

La Pizza Rita Levi Montalcini
La Pizza Rita Levi Montalcini

Non poteva mancare la margherita con pomodoro, fior di latte, basilico e olio Evo. Qui siamo nella tradizione vera. Davvero una signora pizza, realizzata magistralmente. 

La Margherita
La Margherita

Non paghi abbiamo ordinato anche una pizza denominata Margherita Hack con crema di friarielli napoletani, ‘nduja, provola affumicata, bacon croccante, basilico e olio Evo. Anche questa pizza ci ha conquistato. Impasto leggerissimo e fantastica la qualità degli ingredienti usati per il topping capaci di creare un equilibrio incredibile. Bella l’idea di abbinare la ‘nduja con la crema di friarielli e il bacon.

La Pizza Margherita Hack
La Pizza Margherita Hack

Equilibrata, morbida e soffice come una nuvola ma al contempo compatta al morso, con un’alveolatura bella pronunciata. In una parola: sorprendente.

Dettaglio alveolatura
Dettaglio alveolatura

Da #fiammafredda Bakery Concept abbiamo trovato davvero una signora pizza. Ciro Sasso non si smentisce proponendo una pizza generosa, appagante realizzata con un impasto indiretto con prefermento e farine semilavorate con aggiunta anche di semola rimacinata questo per regalare alla pizza una croccantezza migliore. La pizza è mordida, delicata ma si mantiene comunque compatta al morso. Il cornicione è molto pronunciato. L’idratazione è del 73% quindi importante. La cottura è studiata e un po’ più lenta secondo il metodo di Ciro Sasso non a caso #fiammafredda è diventato il suo segno distintivo. I panetti hanno un peso che oscilla tra i 280/290 gr quindi sono molto generosi. Gli ingredienti per il topping sono di grande qualità. In definitiva una pizza che ci ha pienamente convinto e soddisfatto.

ll nostro parere:
- Impasto indiretto
- Uso di ingredienti di qualità per il topping e la farcitura
- Locale accogliente e giovanile con numerosi coperti e bello spazio esterno
- Ottimo rapporto qualità prezzo

Il nuovo locale di Ciro Sasso è destinato ad avere grande successo. La Pizzeria è centrale e si raggiunge facilmente, uno dei punti di forza è lo spazio esterno davvero piacevole e importante. #Fiammafredda Bakery Concept è davvero una bella storia. La garanzia è Ciro Sasso che vanta una grande esperienza, grande passione e competenza.
A parer nostro la sua pizza si può definire con questi tre aggettivi: sorprendente, appagante e leggera. Il suo impasto sorprende e conquista: un bell’impasto indiretto ottenuto con prefermento ma anche con farine semilavorate e semola rimacinata, questo dona alla pizza una bella croccantezza senza pregiudicarne la delicatezza. Importante l’idratazione. Di qualità (e abbondanti) gli ingredienti e i prodotti utilizzati per topping e farciture. Abbiamo trovato qualche piccola pecca nel servizio e nell’organizzazione generale ma considerato che il locale è aperto da pochissimo ci sta che i meccanismi non siano ancora perfetti. Buonissimi i fritti. Due menzioni su tutte, fantastica la Margherita Hack, rassicurante e convincente la margherita, un classico che non tramonta mai. #Fiammafredda Bakery Concept di Ciro Sasso a Saviano è un indirizzo pizza da non perdere, garantiamo noi….

 


#Fiammafredda Bakery Concept di Ciro Sasso
Corso Italia n.161
Saviano (Na)
Tel. 081 0146991
Visita la pagina Fb di #Fiammafredda Bakery Concept di Ciro Sasso

Pubblicato in Campania
Mercoledì, 18 Maggio 2022 22:04

Ristorante La Scialuppa. Napoli

Napoli regala sempre sorprese ed emozioni. Nello splendido scenario di borgo marinari, di fronte al mare e a Castel dell’Ovo, troviamo il Ristorante la Scialuppa. Spesso siamo passati di qui ma non ci eravamo mai fermati, stavolta incuriositi, con la mia famiglia ci siamo stati a pranzo. Abbiamo avuto la fortuna di avere un tavolo in veranda con vista mare. Cosa c’è di più bello che pranzare guardando il blu del mare e sentendo il rumore delle onde? Poche cose direi.
L’atmosfera che si respira è bellissima. E da qui in avanti è stato un crescendo, davvero una piacevole scoperta, ma andiamo per ordine.

Mise en place
Mise en place

Il menù è molto ampio, domina (come ovvio) la cucina partenopea con proposte e piatti sia di carne che di pesce e si può gustare anche la pizza. Insomma qui non si resta delusi e ce n’è davvero per tutti grandi e piccini. Abbiamo optato per un appagante antipasto denominato fritto misto la scialuppa (calamari, gamberetti, sale, pepe, alici, pizze di “cicinielli”, i bianchetti detti anche pesce ghiaccio, arrosticini di totani). Il fritto era eccellente, non unto e asciutto. Sfiziose le frittelle di “cicicnielli”, buonissimi i calamari, interessanti gli arrosticini di totani.

Frittura mista
Frittura mista

Come primi abbiamo scelto le linguine all’astice con pomodorini. Ho trovato la cottura della pasta impeccabile, il sapore dell’astice era meraviglioso, l’acidità e la durezza del pomodoro hanno conferito al piatto un sapore incredibile tanto è vero che ho fatto la scarpetta. Non sarà molto chic ma chissenefrega.

Linguine allastice con pomodorini
Linguine all'astice con pomodorini

L’altro primo che abbiamo degustato sono state le linguine la scialuppa (con gamberoni, scampo, cozze, vongole, taratufi, fasolari, polpo, calamaro e seppie). Già potete immaginare tutto il profumo che sprigionava questo piatto come avere davanti il mare di Napoli.

Linguine La Scialuppa
Linguine La Scialuppa

Non paghi abbiamo preso anche una fritturina di soli calamari. Anche questa fatta come si deve.

Fruitturina di calamari
Fruitturina di calamari

Come dessert ecco un tiramisù invitante e goloso con quell’aroma di caffè come solo a Napoli lo sanno fare.

Tiramisù
Tiramisù

E poi un classico: la delizia limone, morbida, delicata e profumatissima.

Delizia al limone
Delizia al limone

Non posso poi non descrivere il mio sentimento di gratitudine per lo staff di cucina che con vera maestria ci ha deliziato con pietanze cucinate con amore. Impeccabile il servizio. Mentre, lo staff di sala non si è risparmiato nei sorrisi e nell’accoglienza, professionali e molto attenti alle esigenze della clientela. Arriva l’ora del conto! Vi assicuro che è più che onesto visto che abbiamo pagato 55 euro a persona compreso di coperto e di due calici di bianco della casa a testa che hanno accompagnato il nostro pranzo.

Il ristorante La Scialuppa si trova nel cuore di Borgo Marinari proprio di fronte Castel dell’Ovo. E’ un locale storico con una bella veranda che affaccia sul porticciolo e con vista mare. Qui trovi una buona cucina della tradizione, una cucina senza fronzoli e con porzioni generose. Il menù è ricco e trovi anche la pizza. Meravigliose in particolare le linguine alla Scialuppa e davvero ottimo il fritto misto di pesce. Molto gradevole l’atmosfera, ci siamo sentiti come a casa. Il personale è gentile, disponibile e sempre sorridente. Corretto il rapporto qualità – prezzo. Il ristorante La Scialuppa è stata una piacevole scoperta. Indirizzo da segnare in agenda soprattutto se ami la cucina tradizionale partenopea. Il plus poi è la location davvero bella. Ci rivediamo presto.




Ristorante La Scialuppa
Piazzetta Marinari, n.5
Napoli
Tel. 081 7645333
Visita il sito web del Ristorante La Scialuppa

Pubblicato in Campania
Giovedì, 12 Maggio 2022 12:28

Rocco Caggiano Braceria. Grottaminarda (Av)

Se è vero che si ritorna sempre dove si è stati bene, non potevamo non tornare da Rocco Caggiano Braceria a Grottaminarda. Memori della meravigliosa esperienza passata, siamo tornati in questo piccolo gioiello irpino. Adoriamo l’atmosfera senza tempo che si respira in questo locale, un edificio storico, un’antica ex dogana aragonese datata addirittura 1467. Il recupero è stato certosino e meticoloso, fatto con cura e amore. Domina la rassicurante pietra, il pavimento in pietra e legno con delle meravigliose e antiche doghe provenienti dalla Toscana. Ci sono due ambienti, uno al piano inferiore a cui si accede con delle scale in pietra.

Ingresso
Ingresso

Tutto è curato nei dettagli, ogni singolo oggetto è originale e recuperato, anche le posate, le sedute, i tavoli raccontano storie passate e affascinanti. Il resto lo fa la luce calda e il “mood” che regala questo luogo, un luogo che ha una sua “anima” capace di trasmettere una piacevole sensazione, quasi atemporale.

Insegna esterna
Insegna esterna

Naturalmente qui si viene anche e soprattutto per la carne, di qualità eccellente. Carni selezionate e provenienti da allevamenti allo stato brado e semibrado e scelte con cura da Rocco Caggiano che negli anni ha acquistato una maestria, una perizia e una conoscenza che hanno pochi eguali. In particolare Rocco coltiva e alimenta quella che si potrebbe definire una vera e propria arte portata avanti di generazione in generazione: la frollatura. Essa esalta la qualità, le caratteristiche e le proprietà della carne. Rocco Caggiano con passione padroneggia questa arte, con uno studio costante e continuo per dare ai suoi clienti un prodotto di qualità superiore.

Un angolo della meravigliosa sala
Un angolo della meravigliosa sala

Ma torniamo alla nostra cena. Ci accomodiamo al nostro tavolo da due (prenotato per tempo). E diamo il solito sguardo al menù. Noto con piacere che rispetto alla nostra precedente esperienza il menù è stato arricchito con altri piatti e proposte soprattutto di antipasti. Adesso mi pare perfettamente calibrato e in grado di accontentare un po’ tutti.
Naturalmente in carta la carne la fa da padrona e non potrebbe che essere così. Dalla Chianina alla Rubia Gallega, dalla Maremmana alla Marchigiana, dall’Angus alla Scottona, dalla Simmenthal al prezioso Wagyu e via discorrendo. Tutte carni selezionate e trattate con cura con una grande attenzione alla frollatura. Da notare poi la presenza dei filetti e di proposte di carne alternative alla bistecca.
Si comincia. Ordiniamo una minerale e due calici di un ottimo rosso, l’Aglianico Antonio Bruno di Fontana del Re Azienda Agricola di Mariella Roselli, un rosso che mi ha sorpreso, corposo, intenso, di un bel colore rosso rubino, note speziate e sentori di frutti rossi.

Aglianico Fontana del Re
Aglianico Fontana del Re

Intanto ci arriva il pane. Ottimo. Anche questo selezionato da Rocco Caggiano, scopriremo poi che proviene da un forno tradizionale di Bonito. 

Il buonissimo pane di Bonito
Il buonissimo pane di Bonito

In attesa dell’antipasto ecco una loro entreé: bruschettina con ‘nduja di loro produzione e bietola grigliata. Stuzzicante è la parola giusta, la ‘nduja è magnifica, piccantina il giusto.

Entreé
Entreé

Ci servono anche dell'acqua aromatizzata al melone e rosmarino, che rinfresca il palato. 

Acqua aromatizzata con melone e rosmarino
Acqua aromatizzata con melone e rosmarino

Tra gli antipasti mi aveva colpito l’uovo di Paolo Parisi, proposto con asparagi in tripla consistenza. Non è la prima volta nei nostri viaggi gastronomici che mi imbatto nelle uova di Paolo Parisi. Una vera eccellenza, sono uova che nascono da galline livornesi, allevate all’aria aperta che bevono latte di capra. Esse hanno una particolarità: sono bianche all’esterno e hanno un tuorlo di colore giallo intenso. Sono gustose ma al contempo delicate.

Luovo di Paolo Parisi
L'uovo di Paolo Parisi

Come detto l’uovo di Paolo Parisi viene proposto cotto al Josper (il mitico forno brace) con asparagi in tre consistenze. Un piatto meraviglioso. Accompagno il tutto con il buon pane di Bonito.

Uovo di Paolo Parisi con asparagi in tre consistenze
Uovo di Paolo Parisi con asparagi in tre consistenze

Non poteva mancare un tagliere di salumi: salamino, soppressata, prosciutto e capocollo. I salumi sono eccezionali, paradisiaca la soppressata, da svenimento il capocollo, per non parlare del prosciutto, si scioglieva letteralmente in bocca. Spettacolo.

Tagliere di salumi
Tagliere di salumi

Accompagniamo i salumi con del pane azzimo senza lievito buonissimo, condito con un pizzico di sale, olio Ravece irpino e origano.

Pane azzimo cotto al Josper
Pane azzimo cotto al Josper

E’ il momento della carne. Noi optiamo per una bistecca di capocollo con cascata di parmigiano reggiano stagionato 62 mesi e olio Ravece irpino. Meravigliosa la bistecca di capocollo, sorprendente l’abbinamento con il parmigiano capace con la sua spinta di esaltarne il sapore. Gran piatto davvero.

Bistecca di capocollo con cascata diparmigiano reggiano stagionato 62 mesi e olio Ravece
Bistecca di capocollo con cascata di parmigiano reggiano stagionato 62 mesi e olio Ravece

Non poteva mancare una tagliata, in questo caso optiamo per una tagliata di Maremmana con il suo gusto deciso e saporito soprattutto nel grasso che la accompagna.

Tagliata di Maremmana
Tagliata di Maremmana

Accompagniamo la carne con un tagliere di verdure di stagione braciate. Buonissime e belle anche da vedere.

Tagliere di verdure di stagione braciate
Tagliere di verdure di stagione braciate

In carta avevo adocchiato anche il mitico cotechino irpino. Decido di gustarlo. Il cotechino, insieme al classico “mugliatiello”, sono dei must della Macelleria Colomba (adiacente alla braceria). Non potevo non assaggiare il loro cotechino cotto sotto la cenere. Sprigiona un profumino incredibile, piccante il giusto, gusto deciso ma non stucchevole, assolutamente godurioso. Una vera bontà.

Antico cotechino irpino piccante cotto sotto la cenere
Antico cotechino irpino piccante cotto sotto la cenere

Decidiamo di rendere dolce la nostra serata con due proposte di dessert davvero interessanti e con una particolarità: anche i dolci sono cotti al Josper. Intrigante la zuppetta di crema al cardamomo con ananas braciata e menta.

Zuppetta di crema al cardamomo con ananas braciata e menta
Zuppetta di crema al cardamomo con ananas braciata e menta

Fresco, aromatico e sorprendente il gelato al pepe bianco Sarawak con fragola braciata a donare una piacevole nota fruttata. Ribadisco il mio pensiero, proporre la frutta così, alla brace e come dessert è davvero un’idea innovativa e geniale.

Gelato al pepe bianco sarawak con fragola braciata
Gelato al pepe bianco sarawak con fragola braciata

Accompagno il dessert con un bicchierino di Chartreuse Verte, liquore francese che apprezzo molto, creato in un’antica Abbazia, e ottenuto dall’infusione di oltre 130 diverse tipologie di piante officinali. Il suo profumo è inebriante, il colore è accattivante, forte, possente ma con un finale dolce che conquista.

Amaro francese
Amaro francese Chartreuse Verte

Chiudiamo qui la nostra esperienza da Rocco Caggiano e chiediamo il conto. Paghiamo 65 euro a persona.

Rocco Caggiano Braceria a Grottaminarda si conferma alla grande sulla nostra guida web di quelli che sono gli indirizzi da non perdere. E’ un vero gioiello. Si trova in un edificio storico, una ex dogana aragonese del 1467 dove un tempo i viandanti e i pellegrini si ristoravano. In un certo senso anche oggi è così. Chi viene qui potrà godere di un’esperienza unica nel suo genere. Il locale è curatissimo e suggestivo. Domina la pietra e poi c’è il legno. Ogni oggetto, ogni dettaglio è studiato nei particolari con elementi e oggetti di recupero. Entrare qui significa tuffarsi in una dimensione “fuori dal tempo” e rivivere un passato rurale, contadino nella sua accezione più bella e nobile. I meat lovers qui avranno di che divertirsi. La carne qui è eccellente, selezionata e scelta con cura e passione da Rocco Caggiano che negli anni ha affinato la conoscenza dell’arte della frollatura per poter dare ai suoi ospiti un prodotto di assoluta qualità e garantire un’esperienza da ricordare. Il servizio è veloce e professionale, il conto è adeguato al contesto e al tipo di proposta. Piccola raccomandazione: all’interno ci sono poco meno di una quarantina di posti, quindi consiglio sempre di prenotare in anticipo. Rocco Caggiano Braceria ti emozionerà come ha emozionato noi. Imperdibile….

 


Rocco Caggiano Braceria
C.so Vittorio Veneto, n.320
Grottaminarda (Av)
Tel. 351 753 2244
Visita il sito di Rocco Caggiano Braceria

Pubblicato in Campania
Venerdì, 13 Maggio 2022 12:38

Agriturismo Buro. Sant'Agata de' Goti (Bn)

Lungo le falde occidentali del Monte Taburno, incastonato come un gioiello e così bello da sembrare un presepe, c’è il borgo medioevale di Sant’Agata de Goti, città antichissima che ha vissuto tante dominazioni ma che, quasi per magia, ha conservato intatto tutto il suo centro storico tanto da essere definita la Perla del Sannio; Veniamo spesso da queste parti attirati dalla bellezza di questo luogo ma anche per alcuni indirizzi che non deludono mai le nostre attese. In questo luogo circondato da una natura rigogliosa e selvaggia e che sembra sospeso nel tempo, decidiamo di concederci una pausa pranzo presso l’Agriturismo Buro. Non è la prima volta che veniamo qui, anche la nostra precedente esperienza è stata entusiasmante.

Comprendiamo subito, sin dalle viuzze che salgono sulle colline che anche questa volta siamo nel posto giusto; giunti all’azienda agricola Buro veniamo subito rapiti dal belvedere spettacolare. Infatti dai giardini che circondano questo luogo è possibile ammirare l’incanto del centro storico di Sant’Agata de Goti; Intorno poi ci sono campagne sconfinate, sentieri di collina, boschi e paesaggi mozzafiato. Insomma un vero spettacolo per gli occhi!
L’Agriturismo Buro è un vero agriturismo nel senso letterale del termine. Infatti la cucina è realizzata con prodotti coltivati dall’azienda agricola a carattere familiare o in alternativa con prodotti delle zone limitrofe il tutto secondo le tradizioni culinarie del Sannio e rispettando rigorosamente la stagionalità dei prodotti. Prima di entrare veniamo accolti con simpatia e ospitalità dal proprietario Mario e dal personale di sala. Ci accomodiamo al tavolo e iniziamo il nostro pranzo. 
Nei giorni festivi l’Agriturismo Buro propone un menù fisso (scelta inevitabile considerata la grande presenza di ospiti). Da bere c’è un ottimo aglianico locale e arriva anche il loro pane.
L’antipasto presenta una carrellata di ben 9 pietanze.
Si comincia con un must di Sant’Agata de’ Goti le famose ‘nfrennule, i tarallini tipici del luogo fatti con farina, olio, vino bianco e finocchietto selvatico, in questo caso fatte da loro. Le ‘nfrennule sono buonissime e creano dipendenza.

Le nfrennule santagatesi
Le 'nfrennule santagatesi

Ecco in un crescendo di bontà un piatto di salumi di Sant’Agata: prosciutto del Sannio (sapido e delicatissimo), pancetta (dolce e soave), il capocollo e una soppressata davvero buona. Al centro del piatto una invitante ricottina nappata con il miele di Sant’Agata (altra eccellenza locale).

Salumi e ricottina
Salumi e ricottina

Poi arrivano dei mitici friarielli sott’olio di un buono pazzesco…

Friarielli sottolio
Friarielli sott'olio

Una bella e invitante insalata di patate, olive e pomodori, i sapori dell’orto esaltati da un olio davvero buono…

Insalatina di patate olive e pomodori
Insalatina di patate olive e pomodori

Ecco un classico, delle pizzettine che sono sempre gradite e sanno di casa, sanno di buono.

Pizzette
Pizzette

Si continua con un tortello fritto ripieno con ricotta e un funghetto farcito al forno.

Raviolo fritto e funghetto ripieno
Tortello fritto e funghetto ripieno

L’antipasto è infinito, una carrellata di bontà che lasciano il segno. Le bruschette con il lardo conquistano e ammaliano. I vecchi sapori contadini hanno pochi eguali... 

Bruschette con olio evo bio e lardo sannita
Bruschette con olio evo bio e lardo sannita

 Notevole il caprino servito a tocchetti.

Formaggio primo sale a tocchetti
Formaggio caprino a tocchetti

Cosi come meraviglioso è un piatto della tradizione rurale locale che chiude un antipasto da favola: le tracchie di maiale con patate al forno. Che bontà!

Patate e tracchie al forno
Patate e tracchie al forno

L’antipasto è stato un vero trionfo. Il personale di sala è gentilissimo e attento alle richieste dei clienti. In attesa dei primi, usciamo a goderci la bella giornata e ammirare il panorama e il verde intorno. All’Agriturismo Buro è possibile incontrare anche i simpatici animali ospiti della fattoria, fare un giro sul pony o far divertire i bambini tirando qualche tiro al pallone nel campetto di calcetto in giardino. Torniamo ad accomodarci in sala perché arriva la prima delle due proposte di primi. I paccheri alla Contadina con salsiccia, melanzane e pomodoro (e ricottina) sono eccezionali. Perfetta la cottura della pasta e spaziale la salsiccia usata per il condimento. Piatto super…

Paccheri alla contadina
Paccheri alla contadina

Non da meno le pacche (formatiodi pasta fresca tipica della zona) alla Zì Teresa con porcini, ceci, aglio e olio. Un piatto dai sapori decisi che non delude le attese.

Pacche alla Zì Teresa con porcini e ceci
Pacche alla Zì Teresa con porcini e ceci

Se c’è una particolarità dell’Agriturismo Buro è che qui si mangia tanto e bene. Arriva anche una gradita sorpresa. Dalla cucina ci portano un assaggio di un terzo primo, dei ravioloni “hand made” al pesto bio ripieni di ricotta con cacio e noci. Delicatissimi e gustosi.

Ravioli al pesto bio con cacio e noci
Ravioli al pesto bio con cacio e noci

Da notare che spesso il personale di sala passava dal tavolo per proporre un bis, un ripasso. Ero tentato ma ho desistito per godermi la carne. E carne sia. Un classico qui all’Agriturismo Buro (sempre molto richiesto dai clienti): il trittico IGP sannita alla brace: fettina di vitello, salsiccia e agnello con patatine. Buonissima la carne in particolar modo nota di merito per l’agnello.

Trittico di carne alla brace con patatine
Trittico di carne alla brace con patatine

Siamo super sazi ma le sorprese non finiscono. Ecco le fragole con lo strega. 

Coppa di fragole allo strega
Coppa di fragole allo strega

E dulcis in fundo, babà con crema chantilly e fragolina e frutti di bosco. Degna chiusura del nostro pranzo. Dopo vari liquorini artigianali e caffè chiediamo il conto.

Babà con chantilly e frutti di bosco
Babà con chantilly e frutti di bosco

Paghiamo 35 euro a persona per gli adulti per il menù fisso, compreso di servizio e coperto con acqua e vino rosso della casa, antipasti (ben nove portate), 2 primi + un terzo offerto dalla casa, 1 secondo, 2 contorni, dolce, frutta caffè ed amari mentre il costo del menù bambini è di 15 euro.

Le parole non sempre riescono bene a descrivere l’Agriturismo Buro. Una vera istituzione, chi ci viene una volta ci ritorna sempre e non è difficile capirne il motivo. Qui tutto sembra perfetto, l’atmosfera è rustica e familiare, il luogo è immerso nella natura, ci sono ampi spazi verdi per rilassarsi e staccare la spina, i proprietari sono super ospitali, la cucina raggiunge livelli di eccellenza raramente visti da altre parti, e le porzioni poi sono a dir poco generose. Insomma l’Agriturismo Buro è una tappa obbligata se sei a sant’Agata dei Goti e si conferma alla grande nella nostra guida on line di quelli che a parer nostro sono i migliori agriturismi. Prova e ci darai ragione. Parola dei Templari del Gusto.

 


Agriturismo Buro
Via Pennino n. 15
Sant’Agata de’ Goti (Bn)
Tel. 0823 717006
Visita il sito web dell’Agriturismo Buro

Pubblicato in Campania
Giovedì, 05 Maggio 2022 22:15

Osteria Boccolicchio. Manfredonia (Fg)

Torniamo sempre volentieri a Manfredonia, città di consolidate e antichissime tradizioni marinare. Quando siamo in zona è un piacere fare un salto qui. Ci concediamo una piacevole passeggiata sul lungomare, che si trova tra il porto e il centro storico, e un poi facciamo giro su Corso Manfredi, dedicato a Manfredi di Sicilia, colui che fondò la città nel XIII secolo. Ci fermiamo a pranzo in uno dei nostri posticini preferiti qui: l’Osteria Boccolicchio.

Insegna esterna
Insegna esterna

Il vecchio porto dista pochi passi, siamo al principio del centro storico di Manfredonia, il locale prende il nome dall’arco sotto cui si passa per arrivare all’Osteria a piedi (l’arco Boccolicchio appunto).
Arrivare qui è semplice, anche per parcheggiare l’auto non ci sono problemi, ci sono infatti comodi parcheggi pubblici nelle vicinanze. L’atmosfera è bella come la ricordavamo, il vicoletto dove si trova l’Osteria è caratteristico, fuori c’è anche un bel patio allestito in una piccola piazzetta, per poter pranzare e cenare all’aperto durante la bella stagione. Domina il bianco, colore che abbaglia e seduce.
E poi accanto all’ingresso, ci sono delle pittoresche scale che invitano a scattare foto e seflie. 

La caratteristica scala esterna
La caratteristica scalinata esterna

Noi abbiamo prenotato il nostro tavolo da due all’interno. Ci accomodiamo. L’Osteria Boccolicchio è il regno dello chef e patron Williams Tespi umile e talentuoso che propone una cucina in prevalenza di mare che parte dalla tradizione e presenta interessanti e creative rivisitazioni.
Da bere prendiamo una minerale e due calici di Mezzarosa Salento IGP Rosato di Cantine Morella, una cantina relativamente giovane, una delle più interessanti del panorama vitivinicolo pugliese. Il Mezzarosa è ottenuto da uve negroamaro e primitivo. Di un bellissimo colore rosa, con note e sentori floreali e di frutti rossi. Con una buona persistenza e personalità. Arrivano anche i loro pani e i tarallucci con semi di finocchietto (attenzione sono buonissimi, creano dipendenza).

I pani e i tarallucci
I pani e i tarallucci

Il menù presenta piatti e proposte prevalentemente di mare (con qualche piatto anche di terra). Sette antipasti, cinque primi, quattro secondi di mare, due di terra e i dessert. Non tantissime proposte quindi, ma tutte ben concepite e studiate.
Noi cominciamo ordinando due antipasti. Ecco uno dei miei piatti preferiti, e che scelgo spesso quando vengo a trovare Williams Tespi: il polpo arrosto con soffice di patate al limone. Il polpo è meraviglioso, morbidissimo. Fantastico il soffice di patate con quella nota di limone presente ma non invadente che donava freschezza. Chapeau!

Polpo arrosto con soffice di patate al limone
Polpo arrosto con soffice di patate al limone

Meravigliosa e golosa la tartare di tonno con chips di patate vitelotte e zeste di arancia. Freschissimo e delicato il tonno, interessante la presenza delle chips di patate vitelotte (antica e rara patata viola non semplice da trovare con grandi proprietà e molto bella da vedere grazie al suo colore). A chiudere il piatto la nota dolciastra della scorzetta di arancia.

Tartare di tonno cn chips di patate viola e zeste di arancia
Tartare di tonno cn chips di patate viola e zeste di arancia

Siamo partiti come sempre alla grande. Lo chef Williams Tespi non delude le nostre attese e non da meno sono i primi. Ecco un classico pugliese, anzi potremmo dire un classico della tradizione garganica, uno dei piatti da sempre presenti in carta all’Osteria Boccolicchio e sempre richiestissimo: i troccoletti allo scoglio. I troccoli sono un tipo di pasta tipica del Gargano, fatta a mano con acqua e farina di grano duro, qui conditi con tanto ben di Dio e con una porzione capace di soddisfare anche i più affamati.

Troccoletti allo scoglio
Troccoletti allo scoglio

L’altro primo che abbiamo scelto è un delicatissimo risotto con scampi e lime, combinazione a dir poco perfetta.

Il risotto scampi e lime
Il risotto scampi e lime

Nel frattempo i calici di vino da due passano a quattro…Decidiamo di prendere anche un secondo in due, e optiamo per una (abbondante) fritturina mista di calamari e moscardini. Il fritto è ottimo, asciutto, non unto.

Frittura mista
Frittura mista

Ci concediamo anche due dessert, dei tiramisù fatti a regola d’arte.

Il tiramisù
Il tiramisù

Accompagniamo il dolce con un caffè e un amaro Jefferson.

Amaro Jefferson
Amaro Jefferson

Chiediamo il conto e paghiamo per il nostro pranzo all’Osteria Boccolicchio, 50 euro a persona. Assolutamente corretto il rapporto qualità - prezzo.

L’Osteria Boccolicchio a Manfredonia per noi rappresenta una garanzia, non a caso ci torniamo spesso e volentieri perché ci piace l’atmosfera che si respira qui e apprezziamo le proposte di cucina dello chef e patron Williams Tespi tanto umile e schivo quanto pieno di talento. Il pesce è freschissimo, gli ingredienti e le materie prime sono di assoluta qualità. La cucina segue la stagionalità dei prodotti. Nota di merito per il polpo arrosto su soffice di patate al limone (ammetto di avere un debole per questo piatto). Appaganti e rassicuranti i troccoletti allo scoglio, piatto della tradizione garganica che non delude le attese. Super la frittura mista. Il personale in sala è gentile e il servizio veloce e professionale. Corretto il rapporto qualità – prezzo. L’Osteria Boccolicchio a Manfredonia si conferma alla grande sulla nostra guida web dei locali da non perdere. Da provare. Garantiamo noi.

 



Osteria Boccolicchio
Vicolo Arco Boccolicchio n.15
Manfredonia (Fg)
Tel. 0884 090317
Visita la pagina Fb dell’Osteria Boccolicchio

Pubblicato in Puglia
Domenica, 01 Maggio 2022 12:29

Ristorante Street Stritt. Casal Velino (Sa)

Siamo tornati nel Cilento, precisamente a Casal Velino. A pochi passi dal lungomare in una piccola stradina c’è il ristorante Street Stritt dove ci siamo fermati a pranzo. Il locale è gradevole, piccolo e accogliente con una sala interna (saranno una trentina di coperti) e uno spazio esterno con altri tavoli. E’ arredato con gusto e cura, nel complesso l’ambiente è elegante ma senza eccessi, direi anche informale e dominano i colori legati al mare. Molto belle in particolare le poltroncine blu e i tavoli in legno. Ci si sente assolutamente a proprio agio.

Ristorante Street Stritt Casal Velino Sa Particolare sala interna
Ristorante Street Stritt Casal Velino - Particolare della sala interna

Il menù presenta proposte e piatti che hanno una costante: una materia prima eccezionale. Pesce freschissimo. In carta ci sono cinque proposte di antipasti, quattro primi e cinque secondi oltre ai dolci.
Non un menù chilometrico, quindi. Segno che la cucina è tutta espressa e i piatti curatissimi.
Da bere ordiniamo una minerale e una bottiglia di sino Spumante Brut Selim - Viticoltori De Conciliis, uno spumante ottenuto da un assemblaggio di uve aglianico e fiano, con lapresa di spuma ottenuta in acciaio. Con un bel perlage, note agrumate e floreali, fresco, morbido. Uno spumante che accompagnerà alla grande il nostro pranzo.
Si comincia con gli antipasti, che non deludono le attese. Ecco l’antipasto misto dello chef. In un piatto un trionfo vero di bontà: rassicurante il polpo al vapore su patate e olive “ammaccate” di Casal Velino, intrigante il gambero con croccante di Kataifi, avocado e riduzione di mango e habanero, la zuppetta di seppie e ceci al profumo di rosmarino conquista con il suo mix di terra e mare dal carattere mediterraneo, il polpo affogato è un classico, qui cucinato alla perfezione e la fritturina di moscardini e calamaretti seduce nella sua semplicità.

Antipasto misto dello chef
Antipasto misto dello chef

Altro antipasto che abbiamo preso è la tartare di tonno con avocado, composta di mango leggermente piccante, croccante di kataifi, mandorle e balsamico di soia. Eccezionale il tonno, bello il mix con l’avocado e il mango a donare freschezza, interessante la nota croccante di kataifi e mandorle, il balsamico di soia regala un non so che di orientaleggiante a questo piatto che merita applausi.

Tartare di tonno
Tartare di tonno

Il nostro pranzo procede alla grande, l’atmosfera è molto piacevole. Abbiamo scelto due primi in carta. In primis una pasta ripiena, ci intrigavano i ravioli ripieni di bufala e cacioricotta di capra con asparagi selvatici, tartare di gambero rosso e la sua essenza. La scelta si è rivelata felice, assolutamente super. Il ripieno di bufala e cacioricotta è una combinazione vincente così come l’abbinamento con gli asparagi selvatici (è il loro periodo del resto) e la burrosa e sapida consistenza della tartare di gamberi. Anche qui un incontro di terra e di mare assolutamente vincente.

Ravioli ripieni di bufala e cacioricotta di capra conasparagi selvatici e tartare di gambero rosso
Ravioli ripieni di bufala e cacioricotta di capra con asparagi selvatici e tartare di gambero rosso

L’altro primo è stata una vera esplosione di sapore. Le linguine con ricci, salicornia e scorza di limone regalano gioia a chi ama i piatti mare. Un piatto che esalta il sapore dei ricci. Le linguine sono gustose, saporite, sapide al tempo stesso. Interessante la presenza della scorza di limone che dona freschezza.

Linguine con ricci salicornia e scorza di limone
Linguine con ricci, salicornia e scorza di limone

Abbiamo preso anche un secondo in due. Una frittura mista fatta come Dio comanda, fritto perfetto, non unto e (cosa non secondaria), generosissimo nella quantità.

Frittura mista
Frittura mista

Chiudiamo in dolcezza con un semifreddo sacher con cuore di albicocca e pesca su morbido di pan di spagna. Delizioso anche questo.

Dessert
Semifreddo sacher

Paghiamo per il nostro pranzo 65 euro a persona. Rapporto qualità-prezzo assolutamente corretto.

Il Ristorante Street Stritt a Casal Velino è stata una meravigliosa scoperta. Il locale è accogliente e curatissimo, davvero un piccolo gioiello. Si vede che qui c’è amore: amore per quello che si fa, amore per il proprio lavoro e per gli ospiti che vengono coccolati. Lo chef Cristian D’Elia sorprende con una cucina della tradizione, debitamente rivisitata ma senza stravolgimenti. Tutto parte da un prodotto freschissimo e da materie prime di eccellenza, la sua bravura sta in una tecnica di base eccellente e nella capacità di proporre abbinamenti non usuali ma riuscitissimi. Il risultato è una cucina della tradizione rivisitata che conquista. Pesce freschissimo e piatti riusciti. Il personale in sala è professionale, attento e presente. Corretto il rapporto qualità – prezzo.
Il Ristorante Street Stritt entra di diritto nella nostra guida on line di quelli che sono secondo noi gli indirizzi da non perdere. Imperdibile….

 


Ristorante Street Stritt
Via strada Santa, Lungomare Pietro Speranza
Casal Velino (Sa)
Tel. 331 912 4056
Visita la pagina Fb di Street stritt

Pubblicato in Campania

Nel nostro viaggio per segnalarti gli agriturismi da non perdere e da appuntare in agenda, questa volta siamo stati in Irpinia, precisamente a Forino. Siamo a poco più di una decina di Km da Avellino. Forino è un luogo ameno, il territorio è circondato da verde e da boschi, in contrada Petrosa in un contesto naturale e rurale di grande suggestione si trova La Petrosa Agri Hostaria I Cannaruti. Cominciamo col dire che la location è davvero bella, siamo circondati da verde e dai monti, la natura domina la vista e riempie il cuore. Suggestivo e con un so che di romantico il vialetto che conduce dal parcheggio all’agriturismo.

Scorcio esterno Ingresso
Scorcio esterno - Ingresso

La struttura è un bellissimo casale in pietra, recuperato a regola d’arte che regala agli ospiti una sensazione di piacevole familiarità e calore.

Agriturismo La Petrosa Forino Av Esterno
Agriturismo La Petrosa. Forino - Esterno

Tutto è curato nei dettagli grazie alla regia e alla passione di Mariapia vera anima di questo luogo. Niente è lasciato al caso, mi ha colpito tantissimo la tavola in legno imbandita in mezzo al giardino con delle belle sedie che mi ha dato proprio l’idea di casa, e intorno poi i colori della Primavera con alberi da frutto in fiore e campi coltivati. Gran parte dei prodotti dell' Agriturismo La Petrosa infatti sono a Km zero, prodotti locali ma anche quelli del loro raccolto.

La natura circostante
La natura circostante

L’Agriturismo La Petrosa ha una particolarità, non c’è menù fisso. Il menù è stagionale e cambia ogni settimana in base alla disponibilità dei prodotti delle materie prime.
L’antipasto è quello della casa, poi si può scegliere tra tre primi e alcune proposte di secondi, questa cosa che può sembrare inusuale per un agriturismo a me piace particolarmente perché consente al cliente di poter in qualche modo scegliere e calibrare il menù in base ai propri gusti potendo comunque scegliere qualcuna delle pietanze. Si comincia con un meraviglioso tagliere di salumi e formaggi del territorio, spettacolare il formaggio stagionato e fantastico tra i salumi il capocollo e il salamino.

Tagliere di salumi e formaggi
Tagliere di salumi e formaggi

Continuiamo con gli involtini di melanzane grigliate e ricottina con miele e noci…

Ricottina e melanzane
Ricottina e melanzane

Invitante il mini panino con carne di maiale e ragù, una sorta di mini bun contadino in salsa irpina.

Panino con carne di maiale e ragù
Panino con carne di maiale e ragù

Sublimi i tocchetti di polenta fritta con paté di funghi. E’ stato arduo contenersi e non chiedere il bis….

Polenta e paté di funghi
Polenta e paté di funghi

L’antipasto continua in un crescendo di sapori e proposte davvero interessanti e curate. La zuppa di legumi mi ha conquistato, equilibrata e gustosissima.

Zuppa di legumi
Zuppa di legumi

Ma il non plus ultra è la scamorza nel tegamino cotta nel forno a legna con funghi porcini.

Scamorza e porcini
Scamorza e porcini

L’antipasto è stato davvero eccellente, tante proposte con prodotti del territorio, piatti della tradizione contadina, semplici ma curati con materie prime di grande qualità.
Facciamo una bella passeggiata in giardino per rilassarci e godere della natura circostante, poco dopo arrivano i primi. Goduriose le pappardelle con asparagi e pancetta, un bel mix di sapori..

Pappardelle con asparagi e guanciale
Pappardelle con asparagi e guanciale

Appaganti i ravioli con crema di noci. Due bei primi che ci hanno davvero soddisfatti.

Ravioli con crema di noci
Ravioli con crema di noci

Come secondo un trionfo di arrosto misto di carni locali, agnello, vitello e salsiccia. Davvreo ottima la carne..

Salsiccia irpina alla brace
Salsiccia irpina alla brace

Come contorno optiamo per delle patate fresche fritte al momento, super buone anche queste..

Patate fresche fritte
Patate fresche fritte

Chiudiamo in dolcezza con una buonissima crostata hand made che accompagnamo con caffè e amari. 

Crostata
Crostata

Paghiamo per il nostro pranzo 35 euro a persona. Assolutamente corretto il rapporto qualità à prezzo.

L’Agriturismo La Petrosa a Forino è un piccolo angolo di paradiso per chi ama la natura e il mondo rurale. Struttura molto bella immersa nella natura, tutto anche l’arredo è curato nei dettagli. Le proposte di cucina sono legate alla tradizione contadina locale ma presentati con cura e amore. Tutto è fatto con prodotti e materie prime stagionali e di qualità. Calorosa l’accoglienza di Mariapia (che in questo luogo ci mette cuore e passione) e di Giovanni.
La Petrosa Agri Hostaria I Cannaruti merita la visita ed entra di diritto tra gli agriturismi che a parer nostro sono da non perdere. Complimenti e alla prossima.

 

 

Agriturismo La Petrosa
La Petrosa Agri Hostaria I Cannaruti
Contrada Petrosa n.4
Forino (Av)
Tel. 320 2841283
Visita la pagina FB dell’Agriturismo La Petrosa

Pubblicato in Campania
Martedì, 26 Aprile 2022 19:12

La Vecchia Casa. Forino (Av)

Siamo tornati dopo qualche mese a Forino alla Vecchia Casa. Questo indirizzo non è una novità per noi, il locale capitanato da Pellegrino Tolino è una garanzia sia se hai voglia di pranzare o cenare con una buona cucina del territorio, sia che ti vada una buona e appagante pizza. Forino si trova a una decina di Km da Avellino, è un paese ameno immerso nel verde, intorno ci sono boschi e noccioleti. Al centro del paese in Via Roma c’è La Vecchia Casa, arrivare qui è molto semplice.
La location è come la ricordavamo, siamo in pratica in un antico palazzo del 1800, si oltrepassa un portone maestoso, qualche gradino e siamo all’interno. L’ arredo è semplice ma gradevole, i colori delle pareti sono accesi e ci sono diverse salette su più livelli e da poco anche la cantina dove vengono affinati i salumi, (molti di loro produzione) e i formaggi del territorio, insomma tanto ben di Dio.

Tornare qui è per noi è un po’ come ritrovare un vecchio amico che non vedevi da un po’. E' la stessa reazione che abbiamo avuto quando abbiamo incontrato Pellegrino (Rino) Tolino, il padrone di casa, l’anima e il motore di questo luogo che trasmette una piacevole e per certi versi rassicurante sensazione di casa e di buono.
Ci accomodiamo, siamo in due. Diamo uno sguardo al menù dove spiccano piatti e proposte tutte rigorosamente del territorio e prodotti "made in Irpinia" dalla mitica cipolla ramata di Montoro, ai salumi e formaggi. Ovviamente i prodotti seguono tutti la stagionalità. Ci affidiamo ai consigli di Rino e optiamo per un antipasto tipico del territorio. Arrivano i loro pani. Da bere prendiamo una bottiglia Le Origini, vino aglianico DOC di un’azienda locale, con note di frutti rossi e liquirizia e un bel tannino. Ottima scelta giusto per restare anche con il vino a Km Zero.

Le Origini Aglianico Irpino
Le Origini Aglianico Irpino

Arriva il tagliere di salumi tipici: soppressata, uno strepitoso prosciutto crudo al coltello, guanciale di maiale, coppa e pancetta. Molto buoni i salumi tutti rigorosamente del territorio, in particolare da ricordare il guanciale e il salame di loro produzione.

I Salumi
I Salumi

E poi i formaggi di pecora a Km zero, bianco, al pepe e al peperoncino, anche questi notevoli. I formaggi e pecorini locali sono accompagnati da gherigli di nociconfettura di fichi e miele artigianale.

Degustazione di formaggi
Degustazione di formaggi

Si continua con un classico irpino, un piatto povero della tradizione contadina il mallone, ossia le foglie dei friarielli con patate, arricchite con guanciale di maiale a cubetti, con un crostini di pane fritto e fili di peperoncino. In una parola spettacolare, davvero super. Il mallone è un piatto che si prepara da Ottobre in poi fino ad arrivare alla Primavera inoltrata, noi siamo un po’ cultori di questo piatto, ne abbiamo provati tanti in Irpinia e nella zona del salernitano. Questo della Vecchia Casa è decisamente uno dei migliori mai gustati … complimenti.

Il Mallone irpino con pane fritto
Il Mallone irpino con pane fritto

Altra sorpresa è la zuppetta di fagioli quarantini di Volturara Irpina, (presidio Slow food) con funghi porcini, crostini di pane e olio Evo (Fam di Venticano). Commovente questa zuppa, delicata, profumata, avvolgente.

Zuppetta di fagioli e porcini
Zuppetta di fagioli e porcini

Poi arriva una vera chicca: la parmigiana di carciofi di Montoro, cotta nel forno a legna. Il procedimento è lo stesso della classica parmigiana, la particolarità è la presenza dei carciofi a spicchi e poi la cottura nel forno a legna. Superfluo aggiungere che è deliziosa…sorprendente. Grande piatto. Una parmigiana divina.

Parmigiana di carciofo montorese
Parmigiana di carciofo montorese

L’antipasto della Vecchia casa è una passeggiata irpina, una carrellata di proposte legate alla tradizione contadina locale, da sottolineare l’uso di materie prime e prodotti del territorio (spesso a Km zero) ben cucinati. Rino ci sta viziando, non possiamo non degustare due must della vecchia casa. Ecco la pasta e patate cremosa, con provola, porcini e tartufo. Peccato che non ti possa far sentire il profumo. Questa pasta e patate è cremosa che più cremosa non si può, davvero paradisiaca….

Pasta e patate cremosa con provola porcini e tartufo
Pasta e patate cremosa con provola, porcini e tartufo

Altro loro must è la genovese, qui infatti la cucinano in modo eccellente. Queste candele spezzate alla genovese è fatta come tradizione vuole e con sua maestà la cipolla ramata di Montoro. Chapeau !

Candele alla genovese con cipolla ramata di Montoro
Candele alla genovese con cipolla ramata di Montoro

Intanto Rino Tolino passa a salutarci e a sincerarsi che tutto vada per il meglio. Siamo sazi ma decidiamo di degustare anche un secondo in due, e la scelta cade su una costata di scottona podolica allevata nel montorese. La carne frollata alla perfezione è uno spettacolo.

Costata di scottona podolica alla brace
Costata di scottona podolica alla brace

Ci viene servita tagliata su pietra di sale riscaldata che mantiene calore e aromatizza la carne.

La carne sulla pietra di sale rosa
La carne sulla pietra di sale 

La accompagniamo con delle chips di patate, sempre gradite...

Chips di patate
Chips di patate

Con la carne arriva un altro grande olio irpino: zahir di Sacomaio, monocultivar di ravece. Un extravergine meraviglioso, il fiore all’occhiello del frantoio Sancomaio di Zungoli, ottenuto selezionando le migliori olive della qualità ravece (cultivar autoctona irpina). A parer mio una grande eccellenza irpina.

Monocultivar ravece Zahir di San Comaio
Monocultivar ravece Zahir di SanComaio

Nostro malgrado siamo costretti a saltare il dolce. Facciamo un giro di liquorini di mela annurca e chiediamo il conto. Paghiamo 40 euro a testa per la nostra cena alla Vecchia Casa. Ho trovato davvero ottimo il rapporto qualità- prezzo.

La Vecchia Casa a Forino non delude mai le nostre attese. E’ una garanzia, è un po’ come il classico amico di vecchia data che ritrovi di tanto in tanto e non ti tradisce mai. Qui trovi un’ottima cucina del territorio, con tanti prodotti a Km zero e vere eccellenze irpine (la cipolla ramata di Montoro e i fagioli di Volturara Irpina tanto per citarne due). Buoni i salumi e i formaggi, il mallone della Vecchia Casa è da Oscar, sorprendente la parmigiana di carciofi montoresi, memorabile la pasta e patate cremosa con provola e porcini e di tutto rispetto la genovese. La carne è ottima. Ma la cosa che mi piace ancora di più di questo luogo è l’atmosfera informale e “semplice” che ti mette a tuo agio. Pellegrino (Rino) Tolino è un meraviglioso padrone di casa, molto presente in sala, pronto a spiegare e illustrare piatti e prodotti. Davvero ottimo il rapporto qualità- prezzo. Torneremo a breve anche per provare la loro pizza. La Vecchia Casa a Forino non può mancare nella nostra guida on line di quelli che secondo noi, sono gli indirizzi da non perdere. Conferma.

 


Ristorante La Vecchia Casa

Via Roma 81/85
Forino (Av)
Tel. 328 897 6063
Visita il sito web del ristorante La Vecchia Casa

Pubblicato in Campania
Martedì, 19 Aprile 2022 14:52

PiGreco Pizzeria. Volla (Na)

Nel nostro viaggio alla scoperta delle pizzerie da non perdere non potevamo non passare a trovare Corrado Alfano che ha aperto la sua Pizzeria a Volla a pochi km da Napoli. PiGreco è un nome scelto non a caso. Ci sono tanti significati dietro questo nome, innanzitutto PiGreco è una costante matematica, il famoso 3.14 con una serie di numeri che si ripetono praticamente all’infinito e dove puoi trovare magari la data di nascita di una persona cara o altre combinazioni incredibili. In geometria PiGreco fa riferimento al rapporto tra la lunghezza della circonferenza e quella del suo diametro, il cerchio inevitabilmente fa venire in mente la pizza. Poi ci sono motivi di carattere familiare e affettivo, PiGreco per creare un legame tra il mondo di Corrado Alfano e gli studi di Umberto (il figlio di Corrado e Giulia), giovane e valido ingegnere. Infine il 14 Marzo si celebra da qualche anno il Pi greco Day, e guarda caso il 14 Marzo è il compleanno di Rossella, la figlia di Corrado e Giulia. Insomma tutto torna, mai scelta del nome fu più adatta. Una scelta precisa, come preciso è lo studio che c’è dietro all’impasto, alla scelta degli ingredienti, ad ogni dettaglio che trovi qui. Corrado Alfano (che conosciamo da anni) ha sempre messo nel suo lavoro costanza, ricerca e passione.
Il locale è gradevole, bello e funzionale, c’è una sala interna e il dehors molto luminoso, l’arredo è minimal, moderno ma allo stesso tempo si respira un’atmosfera di familiare convivialità.

PiGreco La Pizzeria di Corrado Alfano
PiGreco La Pizzeria di Corrado Alfano

Come al solito diamo un’occhiata alla carta, ci sono tra gli antipasti, le frittatine, proposte in tre versioni, con il cuore di ragù alla bolognese, con cacio, pepe rosa e lime e quella con cuore di ragù alla genovese, c’è poi il bun fritto con la mozzarella di bufala campana DOC (parmigiana, scapece con crema di zucchine e con friarielli), e ancora i crocchè della tradizione e le montanarine (anche qui tris di proposte, classica, genovese e con pomodorino giallo e pancetta croccante). Poi le pizze: le tradizionali, le innovative, le 3.14, una selezione di 14 proposte pizza con diversi abbinamenti in grado di valorizzare prodotti del territorio e stagionali. Ci sono poi ancora i ripieni e la novità dei padellini, realizzati in doppia cottura e con impasti ad alta idratazione usando farine poco raffinate, ricche di crusca. Insomma c’è davvero l’imbarazzo della scelta. Cominciamo con un assaggio di fritti.
Non potevamo con cominciare con crocchè e frittatina. Il crocchè è super realizzato con patata gialla di Avezzano e provola. Fritto leggero, non unto e sapore eccezionale.

Crocchè e frittatina cacio pepe rosa e lime
Crocchè e frittatina cacio, pepe rosa e lime

Tra le frittatine degustiamo quella con cacio, pepe rosa e lime. Ci ha sorpreso e conquistato, particolare la nota del pepe rosa, appagante e riuscitissima la panatura con il pane panko.

Frittatina cacio pepe rosa e lime Dettaglio ripieno
Frittatina cacio, pepe rosa e lime - Dettaglio ripieno

E’ il momento delle pizze. Optiamo per una pizza bianca e una rossa. Ecco la Nerano con crema di zucchine, mozzarella di bufala campana DOC, chips di zucchine fritte, scaglie di provolone del Monaco e olio Evo. Una vera poesia, un sublime equilibrio tra la dolce e morbida crema di zucchine, la voluttuosa mozzarella di bufala, le zucchine fritte e la nota sapida e pungente del provolone del Monaco. Davvero fantastica.

La Nerano
La Nerano

L’alveolatura poi è come una nuvola, segno di un impasto ben lavorato e lievitato.

Nerano Dettaglio alveolatura
Nerano - Dettaglio alveolatura

L’altra pizza che gustiamo è una Provola e Pepe 2.0 con pomodoro bio italiano, provola affumicata di Agerola, pepe nero, ciuffi di ricotta di pecora, pestato di pomodorino del piennolo e olio Evo. Ci siamo innamorati di questa rivisitazione della provola e pepe, un’esplosione di sapore. Te la consigliamo assolutamente…

La Provola e pepe 2.0
La Provola e Pepe 2.0

Non finisce qui perché Corrado Alfano ci fa provare anche un trancio di Padellino in questo caso con stracciatella di bufala, pomodini semi-dry, alici di Cetara, bottarga di muggine e olio Evo. Denominata “Una vita vista mare”.
La particolarità dei Padellini è anzitutto nell’impasto, ad alta idratazione (siamo al 90 %), ottenuto con un blend di farine poco raffinate e ricche di crusca (con la farina tipo 1 al 70%). L’altra particolarità è la doppia cottura, la prima avviene in un padellino per 7 minuti, poi l’impasto cuoce altri 3 minuti a 270°. Qui il “crunch” è garantito. Fragrante e croccante al morso, profumatissimo l’impasto e poi meraviglioso è l’abbinamento degli ingredienti e l’equilibrio tra la stracciatella di bufala e la sua morbidezza, con il sapido delle alici e della bottarga, e la nota dolce del pomodoro semi-dry. Spettacolo allo stato puro..

Trancio di pizza al Padellino con stracciatella pomodorini semi dry alici di Cetara bottarga di muggine e olio Evo
Trancio di Padellino con stracciatella, pomodorini semi-dry, alici di Cetara, bottarga di muggine e olio Evo

Chiudiamo in dolcezza con una fetta della mitica (e originale) crostata della “babbaiola”, viene prodotta in un piccolo laboratorio di Posillipo e la sua particolarità è la crema al limone che emana un profumo incredibile. Da provare…

Fetta di crostata della Babbaiola
Fetta di crostata della Babbaiola

Qui da PiGreco abbiamo trovato una “signora pizza”, di quelle che restano nella memoria. Corrado Alfano non si smentisce, l’impasto è un bel diretto, realizzato con un blend di farine (di tipo 0, di tipo 1 macinata a pietra e tipo 1 con germe di grano) con una lievitazione minimo di 48 ore. L’idratazione è abbastanza spinta (siamo intorno al 73 %), il peso dei panetti è di 270 gr. Gli ingredienti scelti per topping e farciture sono di grande qualità, grazie alla continua ricerca e selezione di Corrado Alfano. Il risultato è una pizza profumata, fragrante, morbida ma allo stesso tempo bella compatta al morso. Del resto basta guardare l’alveolatura per rendersene conto…. Davvero complimenti.

La Provola e pepe 2.0 Dettaglio alveolatura
La Provola e pepe 2.0 - Dettaglio alveolatura

Il nostro parere:
- Impasto di tipo diretto
- Grande attenzione alla scelta dei prodotti e delle materie prime tutte di grande qualità
- Fritti super
- Corretto il rapporto qualità – prezzo

C’è una massima del grande drammaturgo romano Publilio Sirio che ho sempre amato e che credo calzi a pennello per quello che fa Corrado Alfano e per la sua filosofia di vita: “virtuti melius quam fortunae creditur”, ossia “è meglio affidarsi alle proprie capacità che alla fortuna”. E’ quello che ha fatto Corrado Alfano, mettendosi in gioco, contando sulle sue capacità e realizzando il sogno di una vita: una pizzeria tutta sua. PiGreco è una pizzeria a conduzione familiare dove tutti sono coinvolti nel progetto, la moglie Giulia, i figli Umberto e Rossella. Un progetto che siamo sicuri raggiungerà alte vette.
Le premesse ci sono tutte, il locale è gradevole, moderno, giovanile ma trasmette comunque un’atmosfera di calda familiarità, la pizza poi merita davvero, realizzata con un bel diretto lavorato a regola d’arte. Gli ingredienti usati per topping e farciture sono di grande qualità. Buonissima la Nerano che abbiamo gustato ma con la Provola e Pepe 2.0 siamo a livelli siderali.
Nota di merito anche per i fritti, davvero ottimi, (il crocchè da standing ovation, la frittatina con una panatura al pane panko eccezionale). Corretto il rapporto qualità – prezzo (Marinara a 4 euro e 50, margherita a 5 euro) e nessuna pizza (tranne i padellini) superano i 10 euro. PiGreco Pizzeria a Volla non può mancare in agenda, garantiamo noi. Prova e ci darai ragione. Alla prossima Corrado e ad maiora…




PiGreco Pizzeria
Via Famiglietti n.6
Volla (Na)
Tel. 081 399 92 33
Visita la pagina Fb di PiGreco Pizzeria

Pubblicato in Campania

Articoli di Tendenza

nasce con una finalità ben precisa: proporsi come un nuovo modo di raccontare il food, dinamico, creativo, accattivante, fuori dai soliti schemi.

Search