Dolci

Martedì, 22 Marzo 2022 21:31

Raraterra. Frattamaggiore (Na)

Raraterra ha aperto da pochi mesi al centro di Frattamaggiore e rappresenta senza ombra di dubbio già un riferimento per chi cerca in un ristorante, una location affascinante, delle proposte di cucina convincenti e un servizio senza sbavature.
La prima parola che mi viene in mente se penso a Raraterra è “emozione”, si perché qui mi sono emozionato in un contesto dove tutto è concepito e studiato per mettere l’ospite a proprio agio e per “coccolarlo”, ma partiamo dal principio.
Avevamo già da qualche settimana in agenda questo indirizzo, finalmente ci siamo stati a pranzo. Siamo al centro di Frattamaggiore in Via Pezzullo. Il locale si trova in quella che un tempo era un’area industriale e un c’era un ex canapificio. Entrando l’impatto è notevole, c’è una sorta di ambiente di accoglienza, con in terra pavimentio in graniglia che regala un’aria vissuta all’ambiente, lasciamo cappotti e soprabiti e ci accompagnano al nostro tavolo (prenotato con un certo anticipo).
Ci sono due sale di cui una con vetrata che dà sul curato e bel giardino dove immaginiamo nella bella stagione sia piacevole pranzare o cenare. L’atmosfera è incredibile, c’è un non so che di “chic” ma nel contempo l’ambiente è familiare e trasmette calore. I colori sono netti, decisi, alle pareti ci sono mattoncini a vista, rivestimenti di pietra, legno in terra e come boiserie. Nella sala c’è anche un particolare camino che rappresenta un plus e un fantastico elemento di arredo. Ci sono comode sedute con divano lungo il perimetro delle pareti e belle sedie in legno a completare il tutto.
La sala che si affaccia sul giardino è luminosissima grazie alle grandi vetrate che creano un “continuum” con l’esterno. Del giardino mi ha colpito la cura del verde e poi l’orto con le erbe aromatiche. Insomma la location è da urlo e l’atmosfera decisamente piacevole.

Dettaglio Sala interna
Dettaglio Sala interna

Dobbiamo adesso provare la loro cucina. Come prima cosa si dà un rapido sguardo al menù. Quello che colpisce è la presenza di proposte e piatti che affondano le radici nella tradizione partenopea ma anche con interessanti rivisitazioni. Tra gli antipasti ci sono i salumi al taglio, la mozzarella di bufala e la provola di Agerola e un’interessante degustazione di 3 parmigiani. Le proposte calde sono interessanti, su tutte intrigano il crocchè farcito con cozze marinate e scaglie di grana, il sautè di vongole con broccoli, cavolfiore e noci, la frittata di cipolle con pancetta, mostarda e arancia candita, la zeppola di baccalà e la scarola imbottita. Primi e secondi come detto si rifanno prevalentemente alla tradizione culinaria partenopea. Si comincia…
Da bere due calici di un bel rosso l’Irpinia DOC Ischa Piana di Salvatore Molettieri, un aglianico in purezza di un colore rosso rubino intenso, sentori di spezie, frutta rossa, con una piacevole mineralità ed eleganti tannini. Un perfetto compagno di viaggio per in nostro pranzo, che comincia con la degustazione di polpette, quelle fritte con provolone e pancetta e maionese al pomodoro, le polpette alla sorrentina con pomodoro e mozzarella e quelle con fonduta di pecorino e scorzetta di limone. Tutte ottime le polpette, si sente anche la grande qualità del macinato, ma quelle alla sorrentina sono davvero da premio Oscar…

Tris di polpette
Tris di polpette

L’altro antipasto è una vera carezza, una zeppola di baccalà leggera come una nuvola e gustosissima con mayo al lime sulla scarola saltata e polvere di olive. Baccalà e scarola sono un vero matrimonio d’amore, uno dei miei preferiti e qui viene sublimato…

Zeppola di baccalà fritto con maionese al lime e scarola saltata
Zeppola di baccalà fritto con maionese al lime e scarola saltata

E poi ci concediamo lo sfizio di un crocchè di patate fatto come si deve e con una panatura perfetta.

Crocchè
Crocchè

L’atmosfera è rilassante, piacevole, il tempo scorre via mentre osserviamo dettagli di questo posto così bello, e senza quasi accorgercene, arrivano i primi. Paradisiaci i mezzanelli con crema di tre pomodori, lardo di maialino nero e pecorino. Perfetta la cottura della pasta, avvolgente la “crema” di pomodori. In pratica è una lardiata arricchita dal sugo che regala un profumo pazzesco. Vengono usati i pomodorini piccadilly, i pomodori datterini e quelli ciliegini messi quasi a crudo. Il risultato è spettacolare. Un piatto strepitoso nella sua semplicità..

Mezzanelli con crema di tre pomodori lardo di maialino nero casertano e pecorino
Mezzanelli con crema di tre pomodori, lardo di maialino nero casertano e pecorino

Gli ziti spezzati alla genovese meritano un discorso a parte. Chi mi legge sa che sono un cultore della genovese, questa di Raraterra è senza dubbio tra le migliori mangiate ultimamente. A dir poco perfetta, inebriante, quasi stordente il profumo di questo piatto che conquista al primo boccone. Se non fosse che ho ordinato il secondo avrei volentieri fatto il bis. Una genovese da applausi, complimenti.

Genovese
Genovese

I primi ci hanno pienamente convinto. Ordiniamo anche un secondo da dividerci e optiamo per lo stracotto con crema di zucca e caciocavallo. Inusuale ma riuscitissimo l’abbinamento dello stracotto con la zucca, proposta sia in crema (una sorta di golosa vellutata) sia a dadini, la carne era davvero morbidissima, interessante la nota sapida del caciocavallo che ben stemperava il dolce della zucca.

Stracotto con crema di zucca e caciocavallo
Stracotto con crema di zucca e caciocavallo

Come contorno prendiamo delle patate al forno. Si fa presto a dire patate al forno. Qui da Raraterra anche le patate al forno hanno il loro perché, sono deliziose e servite in modo accattivante.

Patate al forno
Patate al forno

Potevamo non chiudere in dolcezza? Certo che no. E allora ecco il dolce di punta della casa, quello che è già un must e assaggiandolo non fatichiamo a capirne il motivo: bavarese al caramello salato e crumble alla vaniglia. A dir poco spettacolare, pazzesco. Attenzione, crea dipendenza (non dire che non ti avevo avvisato).

Bavarese al caramello salato e crumble alla vaniglia
Bavarese al caramello salato e crumble alla vaniglia

L’altro dessert è un signor Tiramisù, fatto davvero a regola d’arte e delicatissimo.

Tiramisù
Tiramisù

Accompagniamo il dessert con un amaro Jefferson servito con scorzetta d’arancia e rosmarino. Degna chiusura del nostro pranzo.

Amaro Jefferson
Amaro Jefferson

Chiediamo il conto e paghiamo in due 120 euro. In pratica 60 euro a testa, rapporto qualità-prezzo corretto e commisurato al tipo di proposta gastronomica e di ambiente.

Raraterra a Frattamaggiore è stata una meravigliosa scoperta. Il locale è affascinante, curato nei dettagli, raffinato ma al contempo regala un’atmosfera calda e familiare grazie alla scelta dei materiali e ad una illuminazione studiata ad hoc. Meravigliosa la luminosissima sala che dà sul giardino. Le proposte di cucina sono convincenti e affondano le radici nella grande tradizione gastronomica napoletana. Del resto la scelta del nome dice tutto, il significato di Raraterra sta proprio qui, prodotti (alcuni a Km zero) e piatti di una terra “rara e bellissima” quella che i romani chiamavano Campania Felix. Memorabile la loro genovese, da non perdere i mezzanelli con crema di tre pomodori, lardo di maialino nero e pecorino. Da sballo la bavarese al caramello salato e crumble alla vaniglia. Nota di merito per il personale di sala, professionale e gentile. Raraterra a Frattamaggiore già oggi rappresenta una certezza assoluta. Indirizzo imperdibile, garantiamo noi…

 

Raraterra
Via Carmelo Pezzullo, n.18
Frattamaggiore (Na)
Tel. 333 255 90 26
Visita il profilo IG di Raraterra

Pubblicato in Campania

Articoli di Tendenza

nasce con una finalità ben precisa: proporsi come un nuovo modo di raccontare il food, dinamico, creativo, accattivante, fuori dai soliti schemi.

Search