Campania

Il Vecchio Mulino 1834. Castelfranci (Av)-Eliche con vellutata di piselli fonduta di caciocavallo e pancetta croccante Il Vecchio Mulino 1834. Castelfranci (Av)-Eliche con vellutata di piselli fonduta di caciocavallo e pancetta croccante © I Templari del Gusto

Il Vecchio Mulino 1834. Castelfranci (Av)

Siamo tornati in Irpinia, terra che amiamo, per pranzare in un posticino che avevamo in agenda da parecchio: il Vecchio Mulino 1834. Quella che voglio raccontarvi è una vera esperienza sensoriale.
Partiamo dalla location, siamo a Castelfranci in alta Irpinia, in riva alle limpide acque del fiume Calore. La struttura è un antico mulino sapientemente ristrutturato, tutto in pietra. All’interno due belle sale arredate con sobrietà e c’è la possibilità di accomodarsi sia all’interno sia all’esterno.Già questo basterebbe a rendere magico il tutto, a questo si aggiunga che siamo in un piccolo bosco e che dal ristorante si snoda un sentiero che conduce fino alla riva del fiume, tutto intorno la natura la fa da padrona.
Siamo davvero in contesto meraviglioso. Passatemi il neologismo, questa è l’Irpiniashire amici miei! Il paesaggio è bellissimo, un paesaggio tipico che solo certi luoghi irpini sanno regalare al turista o al visitatore.
Noi ci accomodiamo all’interno e abbiamo la fortuna di avere il nostro tavolo da due proprio su una finestra che affaccia sul fiume, semplicemente incantevole.

Il Vecchio Mulino 1834 Scorcio del Fiume Calore
Il Vecchio Mulino 1834 Scorcio del Fiume Calore

Diamo un’occhiata al menù, poche proposte ma studiate. Da bere ordiniamo una minerale e due calici di aglianico dell’Azienda Agricola Boccella Rosa di Montemarano. Un vino che nasce a pochi km da qui, di un bel rosso rubino, sentore di frutti rossi, corposo e con buona personalità. Davvero un’ottima scelta.

L'aglianico irpino di Boccella Rosa
L'aglianico irpino di Boccella Rosa

Ci servono un graditissimo entrèe, dei quadrotti con ricotta, menta e polvere di curcuma. Davvero interessanti.

Entrèe
Entrèe

Cominciamo con due antipasti, un budino di caciocavallo su vellutata di ceci, delizioso. Sapido il budino che ben si sposa con il sentore dolciastro e delicato della vellutata di ceci.

Budino di caciocavallo su vellutata di ceci
Budino di caciocavallo su vellutata di ceci

L’altro antipasto è un inno alla tradizione, una parmigiana di melanzane affumicata che profuma di tradizione e mi fa tornare alla mente la cucina di mamma e di nonna e le Domeniche passate da ragazzino a casa davanti a quelle tavole imbandite di ogni ben di Dio. Una parmigiana pazzesca, super che ci ha costretto alla più sfacciata delle scarpette. Non sarà elegante ma tant’è…Complimenti.

Parmigiana di melanzane affumicata
Parmigiana di melanzane affumicata

Mentre aspettiamo che arrivino i primi usciamo per goderci la pace e la natura di questo luogo ameno e incantato. Torniamo giusto in tempo per gustare delle buonissime linguine al peperoncino con peperoni, acciughe e pane profumato. Cottura perfetta, e un fantastico equilibrio di sapori e profumi per un piatto davvero interessante.

Linguine al peperoncino con peperoni acciughe e pane profumato
Linguine al peperoncino con peperoni acciughe e pane profumato

Il top lo raggiungiamo con l’altro primo: le eliche con vellutata di piselli, fonduta di caciocavallo e pancetta croccante. Un piatto fantastico, ho trovato interessante la vellutata di piselli con la sua nota dolciastra che si sposa alla perfezione con la fonduta di caciocavallo con la sua sapidità e la nota croccante della pancetta. Spettacolo !

Eliche con vellutata di piselli fonduta di caciocavallo e pancetta croccante
Eliche con vellutata di piselli fonduta di caciocavallo e pancetta croccante

Decidiamo di provare anche un secondo in due e optiamo per i bocconcini di maiale irpino con friggitelli e pomodorini. Saporita la carne e poi l’abbinamento con i peperoncini verdi è una garanzia.

Bocconcini di maiale irpino con friggitelli e pomodorini
Bocconcini di maiale irpino con friggitelli e pomodorini

Chiudiamo in dolcezza a facciamo benissimo. Ecco un cannolo scomposto commovente, delizioso con una squisita e profumata crema di ricotta.

Cannolo scomposto
Cannolo scomposto

L’altro dessert è una particolarissima cheesacake alla mela verde con tanto di pezzettini di mela. Gustosa, fresca e sorprendente.

Cheesecake alla mela verde
Cheesecake alla mela verde

Accompagniamo il dessert con due bicchierini di nucillo dei Curti, il mitico nocino della famiglia Ceriello, una bontà assoluta e un caffè. Chiediamo il conto e paghiamo per il nostro pranzo 90 euro in due.

Il Vecchio Mulino 1834 a Castelfranci è un piccolo angolo di Paradiso in Irpinia. Un’esperienza assolutamente da provare. Una location suggestiva e fiabesca sulla riva del fiume Calore, molto bella la struttura, tutta in pietra. La cucina propone un mix tra la tradizione irpina e un piccolo tocco di modernità e creatività, complimenti allo chef e alla sua brigata. Note di merito per la parmigiana (pazzesca) e le eliche con vellutata di piselli, fonduta di caciocavallo e pancetta croccante (di cui avremmo fatto volentieri il bis).
Ottimi e di qualità i prodotti e le materie prime utilizzate, prevalentemente del territorio. Buona e fornita la carta dei vini con un occhio di riguardo per le aziende campane e irpine.
Il personale è gentile, educato. Andrebbe forse solo un po’ velocizzato il servizio e accorciati i tempi di attesa tra una portata e l’altra ma di Domenica con il pienone e due cerimonie ci sta un po’ di attesa in più.
Se vuoi gustare buon cibo in riva al fiume, immerso nella natura di un luogo magico e nutrire corpo e mente questo è il posto giusto. Poesia. Indirizzo imperdibile, garantiamo noi.


Il Vecchio Mulino 1834 Ristorante
Strada provinciale Ponteromito Castelfranci - Contrada Bosco Baiano
Castelfranci (Av)
Tel. 331 207 0586
Visita la pagina Fb del Vecchio Mulino 1834

Ultima modifica il Lunedì, 31 Agosto 2020 12:51
Vota questo articolo
(5 Voti)
Brian Liotti

Brian, non fatevi ingannare dal nome, nasce a Napoli sotto il segno dei pesci e mostra fin da piccolo spiccate capacità artistiche e senso estetico. E' giornalista, speaker radiofonico di fama nazionale, direttore artistico, autore, presentatore, blogger, gastronomo per passione ed esperto di marketing e comunicazione. E' un grande appassionato di food, profondo conoscitore dei prodotti tipici, ha un debole per i borghi storici ed è uno strenuo difensore delle tradizioni anche a tavola, contro ogni forma di omologazione e "globalizzazione del gusto". I suoi racconti e le sue recensioni, sempre molto dettagliate, sono paragonabili ad un viaggio dove il gusto cede il passo alle emozioni.

Articoli Recenti

Articoli di Tendenza

nasce con una finalità ben precisa: proporsi come un nuovo modo di raccontare il food, dinamico, creativo, accattivante, fuori dai soliti schemi.

Search