Campania

Benvenuti a Bordo. Pomigliano D'Arco - Risotto al pesto di basilico pescatrice e polvere di seppia Benvenuti a Bordo. Pomigliano D'Arco - Risotto al pesto di basilico pescatrice e polvere di seppia © I Templari del Gusto

Benvenuti a bordo. Pomigliano D’Arco (Na)

E’ un’afosa sera estiva, abbiamo voglia di mare e vacanze ma dobbiamo ancora resistere un po’. Avevamo voglia di cucina di mare ma ahimè siamo ancora in città. Non ci diamo per vinti, e visto che siamo a Pomigliano d’Arco decidiamo di andare a cena al Ristorante Benvenuti a Bordo per gustare qualche buon piatto di pesce, memori delle passate esperienze positive.
Siamo in Via Roma strada centrale e spesso trafficata, ma comunque non avrai problemi a parcheggiare l’auto, c’è posto in abbondanza in strada e a pochi metri c’è anche il comodo parcheggio della Stazione.
E’ la prima volta che torniamo qui dopo i lavori che hanno fatto, e che hanno migliorato esteticamente il locale. L’aspetto è quello di un’accogliente e moderna taverna di mare, c’è una sala interna e anche un piccolo e gradevole dehors esterno.In cucina c’è il giovane e già bravissimo chef Andrea Vespro con la sua brigata.
Noi siamo in quattro, ci accomodiamo al nostro tavolo. Solito sguardo d’ordinanza al menù, con ben tredici proposte di antipasti tra cui anche i crudi, le tartare e le ostriche Gillardeau, e poi i primi e una decina di proposte di secondi. Da notare come il menù sia ben studiato, semplice da consultare e soprattutto ti consigliamo di chiedere sempre al personale, perché c’è spesso qualche fuori menù in base alla disponibilità del pescato, dei prodotti e delle materie prime.
Da bere ordiniamo una minerale e una bottiglia del loro bianco leggermente frizzante (scende che è una meraviglia). Si comincia con gli antipasti. Ordiniamo due porzioni di polpo all’insalata. Sarà pure un classico ma devo dire che il polpo è meraviglioso, fresco, compatto al morso ma morbido, condito in modo perfetto.

Il polpo all'insalata
Il polpo all'insalata

Poi ecco una chicca. Prendiamo due porzioni di caprese con bufala e gamberi rossi. Fantastico e per niente azzardato l’abbinamento della mozzarella di bufala con i gamberi (provare per credere).

Caprese con bufala e gamberi rossi
Caprese con bufala e gamberi rossi

Ma quello che mi ha colpito è sicuramente il polpo fritto con le patate. Avresti mai pensato di friggere il polpo? Non è semplice perché bisogna mantenerlo morbido, il risultato è eccellente. Una vera sorpresa. Perfetto l’abbinamento con le patate. Proposta davvero interessante. Se vieni qui, questo è un piatto da provare assolutamente.

Il polpo fritto e patate
l polpo fritto e patate

La compagnia templare approva questo piatto ma l’effetto “wow” prosegue con il risotto al pesto di basilico, pescatrice e polvere di seppia. L’ho trovato strepitoso, equilibrato, perfetta la mantecatura, bello il gioco di consistenze e sapori. Ogni ingrediente si sposava alla perfezione con gli altri senza essere invadente. Interessante anche l’idea delle briciole di pane tostato in superficie a donargli la nota croccante. In più anche accattivante alla vista. Insomma davvero un gran piatto. Chapeau!

Risotto al pesto di basilico pescatrice e polvere di seppia
Risotto al pesto di basilico pescatrice e polvere di seppia

L’altro primo che degustiamo è un interessante pacchero con astice, pomodorini e peperoncini verdi. Anche qui l’idea del piatto ci è piaciuta molto. Un modo interessante per gustare un prodotto di stagione (i friggitelli) che personalmente adoro. Meraviglioso il loro abbinamento con la ricciola.

Paccheri con ricciola peperoncini verdi e pomodorini
Paccheri con astice, peperoncini verdi e pomodorini

Saremmo sazi ma vogliamo assaggiare una fritturina di calamari, giusto per accompagnare il calice di vino della staffa. Anche qui, fritto ben eseguito, asciutto e non unto.

Fritturina di calamari
Fritturina di calamari

Saltiamo il dessert, facciamo un giro di amari e limoncello. E chiediamo il conto. Paghiamo per la nostra cena 35 euro a testa. Rapporto qualità prezzo davvero ottimo soprattutto se pensiamo che si tratta di un ristorante di pesce.

Benvenuti a Bordo nella sua nuova versione dopo il restyling al locale non si smentisce e si conferma come un indirizzo sicuro. Ottimo ristorante di pesce. Il locale ha l’aria di una piccola, semplice ma curata osteria di mare. Pochi orpelli e tanta sostanza. Tradotto: qui si mangia bene. Il pesce è fresco, le proposte di qualità, alcune davvero sorprendenti. Menzione in particolare per il polpo fritto con le patate, originale e gustoso e per il risotto al pesto di basilico, pescatrice e polvere di seppia davvero spettacolare, conserverò a lungo il suo ricordo. Insomma qui trovate una cucina di pesce di tutto rispetto con proposte interessanti e alcuni primi piatti notevoli. Lo chef Andrea Vespro migliora sempre più e già oggi rappresenta una garanzia. Il servizio è veloce e professionale. Quello che poi stupisce ancora di più è il fantastico rapporto qualità - prezzo. Insomma, come diceva qualcuno in passato, “provare per credere”. Indirizzo da non perdere garantiamo noi. Alla prossima!



Benvenuti a bordo
Via Roma n.306
Pomigliano D’Arco (Na)
Tel. 081 1936 6184
Visita la pagina Fb di Benvenuti a bordo

Ultima modifica il Sabato, 31 Luglio 2021 19:26
Vota questo articolo
(4 Voti)
Brian Liotti

Brian, non fatevi ingannare dal nome, nasce a Napoli sotto il segno dei pesci e mostra fin da piccolo spiccate capacità artistiche e senso estetico. E' giornalista, speaker radiofonico di fama nazionale, direttore artistico, autore, presentatore, blogger, gastronomo per passione ed esperto di marketing e comunicazione. E' un grande appassionato di food, profondo conoscitore dei prodotti tipici, ha un debole per i borghi storici ed è uno strenuo difensore delle tradizioni anche a tavola, contro ogni forma di omologazione e "globalizzazione del gusto". I suoi racconti e le sue recensioni, sempre molto dettagliate, sono paragonabili ad un viaggio dove il gusto cede il passo alle emozioni.

Articoli Recenti

Articoli di Tendenza

nasce con una finalità ben precisa: proporsi come un nuovo modo di raccontare il food, dinamico, creativo, accattivante, fuori dai soliti schemi.

Search