Campania

Sabato, 26 Febbraio 2022 16:41

Elìa Ù Mazzamauriello. Apice (Bn)

Il nostro viaggio alla scoperta delle pizzerie da non perdere ci porta nel Sannio ad Apice, per la precisione ad Apice Vecchia, nel borgo che rimase quasi del tutto disabitato dopo la violenta scossa di terremoto del 1962 e poi dopo il terremoto del 1980. Da quel momento tutti scesero nella città nuova. Apice Vecchia è un luogo particolarissimo, quasi ancestrale, fatto di vicoletti, case in pietra, stradine. Da un po’ di anni c’è voglia di rinascita e molti sono tornati ad investire in questo luogo che richiama ogni anno tanti turisti e visitatori desiderosi di visitare quello che per anni è stata una vera e propria “città fantasma”. Oggi non è del tutto così, perché ad Apice Vecchia ci sono delle attività commerciali e alcuni locali e indirizzi interessanti. Noi siamo venuti qui da Elìa Ù Mazzamauriello per gustare la loro pizza.
Il locale si trova in un suggestivo palazzo antico, quella che un tempo fu una dimora aristocratica. Particolarmente suggestivo è anche l’ingresso con il bel portale in pietra.

Elìa Ù Mazzamauriello Apice Ingresso
Elìa Ù Mazzamauriello. Apice - Ingresso

Qualcuno si chiederà da dove provenga il nome del locale, ecco la risposta. Si chiama Elìa come il protagonista del film interpretato tra gli altri da Sergio RubiniIl Bene Mio”. Elìa è l’ultimo abitante di un paesino pugliese Provvidenza rimasto disabitato dopo un tremendo terremoto. Tutti hanno lasciato le loro case tranne Elìa che lotta e resta. Un po’ la metafora di quello che è accaduto ad Apice, Mazzamauriello invece in molte zone del centro Sud, in particolare nel Sannio, in Irpinia ma anche in Molise è secondo la tradizione popolare, un folletto, uno spiritello che fa i dispetti e che si diverte a disturbare di notte il sonno delle persone con rumori, colpi e fischi. Un po’ l’equivalente del munaciello napoletano. Ecco come nasce “Elìa Ù Mazzamauriello”, storia interessante. Il locale è sia pizzeria che ristorante ed è gestito dalla famiglia Frusciante. Noi abbiamo conosciuto il gentilissimo Fedele, il titolare, affabile e garbato. 
Al banco pizza c’è il bravo Marco Russolillo. Il locale all’interno è molto caratteristico e domina la pietra (come ovvio). Per fortuna abbiamo prenotato per tempo il nostro tavolo, infatti è Sabato sera ed il locale è strapieno. Ci accomodiamo. E diamo un’occhiata al menù pizza. Ci sono le pizze classiche, le bianche, quelle denominate “speciali”, quelle che si trovano solo nel fine settimana e delle pizze fuori menù che cambiano in base alla stagione e alla reperibilità di ingredienti e prodotti.
Noi siamo davvero curiosi di provare la loro pizza. E che pizza sia. Si comincia subito forte.
Ordiniamo una Paesana con crema di carciofini, capicollo del Sannio, scaglie di provolone del Monaco e filetti di peperoncino. L’abbiamo trovata davvero eccellente, notevole e leggero l’impasto, equilibrata il giusto, bello il contrasto tra il sentore dolciastro della crema di carciofi, il soave capicollo locale e il gusto sapido e forte del provolone del Monaco. Davvero un’ottima pizza.

La Paesana
La Paesana

Poi non poteva mancare una pizza della tradizione. Abbiamo deciso di provare la margherita con fior di latte di Agerola, pomodoro San Marzano DOP, olio Evo e basilco. 

Pizza margherita
Pizza margherita

E ancora la Tirolese con base di provola affumicata, speck, gherigli di noce e la ricottina di bufala con miele d’acacia al centro. Anche questa pizza ci ha colpito per il connubio perfetto tra gli ingredienti e che buona quella ricottina…

La Tirolese
La Tirolese

E ancora ecco una pizza che ci ha incuriosito leggendo gli ingredienti e che volevamo provare la Carrettiera ma nella versione di Elìa U’ Mazzamauriello con base di provola affumicata, i friarielli saltati in padella, la salsiccia fresca di Castelpoto e i pomodorini del piennolo gialli. Paradisiaca. Sarà che abbiamo un debole per la meravigliosa salsiccia di Castelpoto, presidio Slow Food, tipica di questo piccolo comune del Sannio situato alle pendici del monte Taburno, Castelpoto appunto. Pare che questa salsiccia abbia origini antichissime e risalga addirittura all’alto Medioevo. Da allora in questo piccolo centro sannita si produce questa salsiccia che ha una particolarità, ossia la presenza nell’impasto di polvere di “papauli” (peperoni che possono essere dolci o piccanti). Che bontà! Inutile dire che questa pizza anche da sola giustifica il viaggio…

La Carrettiera con la salsiccia di Castelpoto
La Carrettiera con la salsiccia di Castelpoto

Chiudiamo la nostra degustazione con una delle pizze che si trovano solo nel fine settimana: A Purpetta da’nonna con ragù di plopette, mozzarella di bufala di Paestum in uscita, polpette, scaglie di grana e olio Evo. Una pizza davvero goduriosa, appagante. Fantastico il ragù, deliziose le polpettine sulla pizza, buona anche la mozzarella di Bufala. Anche questa pizza ci ha convinto.

A Purpetta da Nonna
A Purpetta da Nonna

Da Elìa Ù Mazzamauriello abbiamo trovato sicuramente una pizza di livello. L’impasto è un diretto lavorato a regola d’arte con una lievimaturazione importante. I panetti vengono fatti riposare (dalle 24 alle 48 ore) nelle loro cantine sfruttando la temperatura naturale degli ambienti.L'idratazione non è troppo spinta, siamo tra il 66 e il 68 %. Il risultato è una pizza leggera, fragrante e digeribile. I prodotti usati per topping e farciture sono di grande qualità. Buona l'alveolatura, a parer nostro il peso dei panetti si aggira sui 280 gr. Una pizza decisamente da provare. Complimenti davvero al pizzaiolo Marco Russolillo. 

Dettaglio Alveolatura
Dettaglio Alveolatura

Il nostro parere:
- Impasto di tipo diretto
- Ingredienti e prodotti di qualità per topping e farciture
- Servizio veloce e informale
- Buon rapporto qualità – prezzo

Elìa Ù Mazzamauriello ad Apice Vecchia merita la visita. Qui già la location ha il suo perché con il fascino che solo un palazzo antico situato in un borgo incantato e per certi versi misterioso, può regalare. L’altro motivo che giustifica il viaggio è la pizza, realizzata con un bel diretto lavorato a regola d’arte. La lievimaturazione è importante. Il risultato è una pizza leggera, l’impasto è morbido ma fragrante, di qualità i prodotti usati per le farciture. Da rimarcare la gentilezza e la disponibilità di Fedele (il titolare) che ci ha fatto anche visitare le cantine e vedere dove riposano i "preziosi"panetti. Il servizio è veloce e informale. Abbiamo trovato un buon rapporto qualità – prezzo. Sicuramente torneremo per provare altre pizze. Elìa Ù Mazzamauriello ad Apice Vecchia va segnato senza dubbio in agenda tra gli indirizzi pizza da non perdere. Garantiamo noi.

 

Elìa Ù Mazzamauriello
Via Roma n.10
Apice Vecchio (Bn)
Tel. 0824 181 7017
Visita la pagina Fb di Elia Ù Mazzamauriello

Pubblicato in Campania

Articoli di Tendenza

nasce con una finalità ben precisa: proporsi come un nuovo modo di raccontare il food, dinamico, creativo, accattivante, fuori dai soliti schemi.

Search