Home / Editor's Choice / Salvatore Lioniello e la sua “diversamente napoletana”

- Pizzeria Da Lioniello. Orta di Atella (Ce)

La Margherita con bufala di Salvatore Lioniello
La Margherita con bufala di Salvatore Lioniello

Salvatore Lioniello e la sua “diversamente napoletana”

- Pizzeria Da Lioniello. Orta di Atella (Ce)

Pin It

Sono stato ad Orta di Atella per incontrare uno dei pizzaioli più in voga del momento, uno dei più ammirati sui social e sul web, Salvatore Lioniello, il famoso “pizzaiolo col cappello”. La sua è una storia interessante, potremmo dire è la dimostrazione che nella vita si possono fare delle scelte ed arrivare alla consacrazione più tardi e poi il lavoro, la passione e ovviamente le capacità ti fanno raggiungere livelli altissimi e magari inaspettati.

Ciao Salvatore

“Ciao Brian, sono felice ed onorato di averti qui, e tra poco ti faccio anche assaggiare la nostra bellissima diversamente napoletana che ha portato nei clienti una sorta di dipendenza e che ha suscitato curiosità, apprezzo molto il lavoro che fate voi giornalisti che raccontate il food e scrivete di pizza, fermo restando che sono poi sono importanti  i clienti che vengono e l’unico nostro obiettivo è quello di soddisfarli, devono alzarsi e andare via contenti, intendiamo far vivere loro un’esperienza culinaria particolare, diversa dalle altre pizzerie”.

Dettaglio cornicione margherita di Salvatore Lioniello

Dettaglio cornicione margherita di Salvatore Lioniello

“Tu hai una storia un po’ particolare perché per un certo periodo della tua vita non intendevi fare il pizzaiolo e poi ti sei dovuto reinventare e crearti da solo praticamente ”

“ Molti dicono pizzaioli si nasce ma non si diventa, io sono un pò l’eccezione che ha capovolto la regola perché io credo che pizzaioli si nasca fino ad un certo punto ma si diventa se uno ha una grande passione, una passione che accomuna molti oggi. Vedo infatti tantissime persone che frequentano i miei corsi e che hanno una certa età e sono consapevoli che magari hanno perso tanto tempo facendo un altro lavoro e poi si sono appassionati nel tempo alla pizza, all’arte bianca. Questo grazie anche al web e ai social, io ho una pagina seguitissima e cerco lì di trasmettere ciò che faccio e le mie conoscenze.

Tutti sanno che facevo un altro mestiere, inizialmente non volevo seguire le orme di papà che aveva questo locale e faceva il pizzaiolo. Lui era il classico pizzaiolo di paese, faceva le pizze ai suoi clienti e stava bene così. Da quando poi mi sono convinto a seguire le orme di papà ho cercato di fare un altro percorso cercando di emergere grazie alle competizioni, a tantissimi corsi per accrescere le mie conoscenze dell’arte bianca a 360 °

Pizza vegana con impasto integrale, multicereali, fiori eduli, crema di asparagi e pomodorini gialli

Pizza vegana con impasto integrale, multicereali, fiori eduli, crema di asparagi e pomodorini gialli

Salvatore perché definisci la tua pizza diversamente napoletana ?

“ Diversamente napoletana perché abbiamo studiato un impasto totalmente diverso da quello tradizionale e l’abbiamo riportato passami il temine sulla napoletanità ma non ha niente a che vedere con l’impasto della tradizione e soprattutto non ha niente a che vedere con il disciplinare della pizza STG, il nostro impasto è un preimpasto, un impasto indiretto che viene lavorato due volte, nella prima fase non viene aggiunto il sale e nella seconda viene aggiunto il sale, altra percentuale di farina e il restante dell’acqua per ottenere digeribilità,  fragranza, croccantezza e nello stesso tempo scioglievolezza del cornicione nonostante sia abbastanza alto. Il nostro impasto richiede ben 36 ore di fermentazione e cerchiamo di lavorare nei minimi dettagli sia nel procedimento dell’impasto sia per la scelta degli ingredienti che utilizziamo, le materie prime sono la cosa fondamentale per avere una pizza di livello. Poi lasciamelo dire, devo ringraziare il mio braccio destro che mi da un enorme e prezioso supporto, mio fratello Michele Lioniello che sta al forno che cura ogni singola pizza che esce”.

La pizza con mortadella, con crema di pisrtacchio, mozzarella e granella di nocciola e pistacchioù

La pizza con mortadella, con crema di pisrtacchio, mozzarella e granella di nocciola e pistacchio

Salvatore se tu dovessi con 3 aggettivi o parole definire la tua pizza quali sceglieresti?

“Buona perché la pizza deve essere saporita, bella perché anche l’occhio vuole la sua parte, e poi sceglierei cuore, perché lì dentro c’è il cuore, c’è un sacrificio fatto e una promessa fatta a mio padre che oggi non c’è più, che mi guarda da lassù e che mi segue passo passo. Ti dico cuore perché inizialmente questo mestiere lo odiavo, odiavo tutto di questo lavoro e se l’ho fatto è solo grazie a mio padre ma soprattutto grazie alla sua insistenza e al suo esempio che è sbocciata in me una passione che forse avevo dentro e che neanche immaginavo potesse venir fuori. Pensa Brian che papà mi diceva di continuare a fare il suo mestiere ma io non me ne importavo, lo abbandonavo persino il Sabato, ero proprio egoista, avevo altre priorità, pensavo ad altro poi è scoccata la scintilla e oggi sto raccogliendo i frutti di questa passione sbocciata un po’ in ritardo”.

Salvatore tu sei uno dei pizzaioli più seguiti, uno di quelli di riferimento della nuova generazione, si parla di te tanto per le tue pizze, per quello che fai ma anche per il personaggio e il look che hai creato, a proposito l’idea del cappello che indossi sempre come è nata?

“Da quando avevo 5 anni papà mi portava a pescare e io ho sempre messo il cappello, il mio idolo era Sampei, il cappello che avevo da piccolo crescendo è diventato un po’ più piccolo fino a quello che vedete oggi ed è diventato una delle mie caratteristiche. Poi Brian a me piace distinguermi in tutto, anche nell’abbigliamento, per questo io lavoro con la camicia. Curo tutto non solo la pizza ma anche l’aspetto fisico e la pulizia che per me sono fondamentali. Presentarsi in un certo modo dona anche tanta sicurezza a chi viene a spendere soldi nella tua attività.”

La pizza di Salvatore Lioniello - Dettaglio struttura e alveolatura cornicione

La pizza di Salvatore Lioniello – Dettaglio struttura e alveolatura cornicione

Progetti per il futuro, hai un sogno nel cassetto che ti piacerebbe realizzare?

“ I sogni ci sono, pensa che ho aperto la mia pagina pubblica e sono arrivato a 100.000 fan in meno di un anno e mezzo, il mio sogno non lo nascondo è la televisione, ho aperto la pagina per dimostrare alla gente che chi ha passione deve credere in quello che fa perché niente è impossibile. Il mio sogno nel cassetto è la televisione, attualmente ho un contratto con un’emittente televisiva regionale ma mi piacerebbe fare anche qualche comparsa sulle reti nazionali”.

Salvatore Lioniello con Brian Liotti

Salvatore Lioniello con Brian Liotti

Tra l’altro Salvatore hai anche il fisico e l’aspetto adatto, sei telegenico…

“Si diciamo, abbiamo i requisiti giusti per farlo, l’importante di fronte al successo e alla popolarità è ricordarsi sempre chi eravamo, chi siamo e cosa possiamo dare agli altri grazie alla nostra umiltà. Pensa noi venivamo da una pizzeria che faceva 20 pizze al giorno oggi fortunatamente c’è sempre il pienone, grazie ai nostri amati clienti e tutto questo ci spinge a lavorare sempre con passione ed umiltà e capire che quando c’è uno sbaglio (perché può capitare a tutti) questo si accetta e si cerca di migliorarsi e di fare altri sacrifici”.

Ultima domanda, hai una pizza del cuore a cui sei emotivamente legato?

“Si Brian, la pizza My Dad, 14 giorni dopo la sua morte ho vinto il campionato mondiale della pizza a Parma, era una classica pizza tradizionale con melanzane alla parmigiana, salsiccia di maialino nero casertano, provola di Agerola, scaglie di reggiano 36 mesi, con basilico e olio Evo”.

La "My Dad" di Salvatore Lioniello

La “My Dad” di Salvatore Lioniello

Salvatore grazie di cuore per questa intervista, per la gentilezza e per la disponibilità dimostrate.

Grazie a te e a voi a tutte le persone che ci seguono entrambi”

 

Pizzeria da Lioniello

Via S. Salvatore n.9

Orta di Atella (Ce)

Tel. 081 891 0783

 



Loading Facebook Comments ...

Utilizzando il sito e proseguendo con la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi