Home / Cucine Templari / Cucine Regionali / Cucina nella Puglia / Osteria al Duomo. Vieste (Fg)

- Nel centro storico, i sapori viestani e del Gargano

Osteria al Duomo - Vieste (Fg)
Osteria al Duomo - Vieste (Fg)

Osteria al Duomo. Vieste (Fg)

- Nel centro storico, i sapori viestani e del Gargano

Pin It

 

Siamo a Vieste, la perla del Gargano, il cui abitato si trova su una piccola penisola rocciosa, con una forma particolare ed è caratteristica per le sue tre baie separate da due punte: Punta San Francesco e Punta Santa Croce.

Un angolo del centro storico di Vieste - Punta San Francesco

Un angolo del centro storico di Vieste – Punta San Francesco

Vieste con il suo mare splendido, il “Pizzomunno” (che è uno dei simboli viestani, un monolite alto quasi 25 metri che sembra fare da custode al borgo), e poi il caratteristico centro storico, il castello, la suggestiva Cattedrale.

Pizzomunno

Pizzomunno

Proprio nella parte più antica di Vieste a pochi passi dalla Cattedrale c’è l’Osteria al Duomo, il ristorante da noi scelto per pranzare. Abbiamo prenotato per tempo il nostro tavolo da due.

La Cattedrale di Vieste

La Cattedrale di Vieste

Arriviamo all’orario prestabilito, ci accolgono con molto garbo e ci fanno accomodare. Dentro il locale è molto caratteristico, è suddiviso in quattro ambienti, quattro sale dove domina la pietra che trasuda di storia e che regala un’atmosfera di rilassata e intima convivialità. Noi ci accomodiamo nella sala detta “cisterna” che prende il nome dalla cisterna antica che si trova sotto il pavimento. Questa è la sala più grande del ristorante perché si estende in lunghezza.

Diamo un’occhiata al menù, ci sono proposte di terra e di mare (con una prevalenza di queste ultime come ovvio). Da bere una minerale e due calici di rosato pugliese.

Decidiamo di ordinare due antipasti. Un pancotto bruschettato di fave secche e cicorie, su panzanella liquida e gamberi gobbetti, davvero molto buono e dal sapore inconfondibile (le fave e le cicorie sono due pietanze tipiche della cucina pugliese di terra).

Pancotto bruschettato di fave secche e cicorie, su panzanella liquida e gamberi gobbetti

Pancotto bruschettato di fave secche e cicorie, su panzanella liquida e gamberi gobbetti

L’altro antipasto è uno scrigno di melanzane e gamberi, altra proposta interessante, equilibrata, ben eseguita servita su un fondo di pomodoro.

Scrigno di melanzane e gamberetti

Scrigno di melanzane e gamberetti

Ci segue il simpatico e preparato Pasquale, sempre pronto a darci delucidazioni e spiegazioni su ogni piatto e ingrediente.

C’è un’interessante proposta di primi, io resto fedele alla tradizione pugliese di “terra” e scelgo i troccoli cacio ricotta e peperoncino alla crema di pane su salsa di pomodoro grigliato, buoni.

Troccoli cacio ricotta e peperoncino alla crema di pane su salsa di pomodoro grigliato

Troccoli cacio ricotta e peperoncino alla crema di pane su salsa di pomodoro grigliato

Il primo scelto da Daniela è un piatto di “mare”, più strutturato, tagliolini alla pelle di pesce, vongole e pistacchi con zenzero. Questi hanno un sapore davvero particolare e anche l’impatto cromatico è interessante.

Tagliolini alla pelle di pesce, vongole e pistacchi con zenzero

Tagliolini alla pelle di pesce, vongole e pistacchi con zenzero

Il nostro pranzo scorre via piacevolmente tra una chiacchierata e l’altra e notiamo che anche ai tavoli vicini al nostro arrivano pietanze interessanti e ben presentate.

Visto che ci aspetta un pomeriggio in giro per il centro storico e il porto, decidiamo di non esagerare e proprio perché vogliamo comunque un secondo, ordiniamo una frittura di calamari. Qui bisogna aprire una parentesi importante, il costo (20 euro) è più che giustificato, infatti a differenza di quanto accade in altri posti, qui i calamari sono freschissimi, puliti, tagliati e fritti al momento e la frittura risulta profumata, delicata e affatto pesante. Complimenti davvero !

Frittura di calamari

Frittura di calamari

Ci facciamo portare il conto e paghiamo per il nostro pranzo 63 euro in due.

Non è la prima volta che veniamo all’Osteria al Duomo. Ci siamo tornati di nuovo perché ci piace la loro cucina e sono interessanti le loro proposte. Come ben sapete in località turistiche spesso abbondano le “trappole” per turisti, cioè locali che ti offrono a prezzi non altissimi una cucina però decisamente modesta. Qui invece fortunatamente abbiamo trovato una cucina ottima, un’eccellente materia prima e un buon rapporto qualità prezzo. Complimenti allo chef Vincenzo Bua, ad Isa e a Pasquale.

Se siete a Vieste sicuramente questo è un indirizzo da segnare in agenda.

 

Osteria al Duomo 

Via Alessandro III n. 23

Vieste (Fg)

Tel. 0884 708243

Visita il sito web dell’Osteria al Duomo



Loading Facebook Comments ...

Utilizzando il sito e proseguendo con la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi