Home / Cucine Templari / Cucine Regionali / Cucina nella Campania / La Grotta. Casalnuovo (Na)

- Come si fa a non andare in un posto così? Spettacolare

Fusilli avellinesi con julienne di melanzane, pomodorini, salsiccia e scaglie di cacioricotta
Fusilli avellinesi con julienne di melanzane, pomodorini, salsiccia e scaglie di cacioricotta

La Grotta. Casalnuovo (Na)

- Come si fa a non andare in un posto così? Spettacolare

Pin It

E’ una Domenica sera sonnacchiosa e pigra. Abbiamo deciso di cenare fuori e trovandoci dalle parti di Casalnuovo decidiamo di andare alla Grotta Hostaria e vineria. Ci eravamo già stati e ci aveva lasciato ricordi piacevolissimi. E’ il momento di ritornarci. Mentre siamo in viaggio, prenotiamo senza problemi  il nostro tavolo da due. Dopo poco arriviamo. Siamo sul corso principale di Casalnuovo, paese alle porte di Napoli, con una densità di abitanti da non credere e antiche tradizioni agricole oggi (ahimè) quasi del tutto scomparse.

La Grotta è il regno di Giuseppe Rea, sommelier, grande appassionato e conoscitore di vini e “deus ex machina” di questo posticino che ha davvero qualcosa di speciale, te ne accorgi da subito, appena entri.  La prima cosa che vedi è un bancone in legno, poi delle botti, un bella e ampia credenza colma di bottiglie di vino, e poi pasta, biscotti, conserve, marmellate e tanto altro ben di Dio.

Giuseppe ci accoglie da par suo con grande gentilezza e ci accompagna al nostro tavolo. Attraversiamo le altre due sale. Tutto intorno pietra, legno, mattoncini e bottiglie di vino ovunque, in fondo un maestoso e bellissimo camino acceso, e musica jazz e fusion in sottofondo. Tutto davvero bellissimo. Se chiudi gli occhi ti sembra di essere in un’enoteca o un ristorantino toscano o umbro.

Diamo uno sguardo al menù, intanto da bere ordiniamo una minerale e su consiglio di Giuseppe un interessantissimo rosso un “Vin del Fattore, Sangiovese toscano del 2015 di Vignaioli Morellino di Scansano Governo all’uso toscano”. Una piccola rivelazione, si dimostrerà un ottimo vino.

Vin del Fattore, Sangiovese toscano del 2015 di Vignaioli Morellino di Scansano Governo all’uso toscano

Vin del Fattore, Sangiovese toscano del 2015 di Vignaioli Morellino di Scansano Governo all’uso toscano

Siamo venuti qui anche per riprovare la cucina del giovane e bravissimo chef Antonio Esposito, una garanzia. Diamo il via alle danze. Optiamo per 3 antipasti.

Cominciamo con delle “commoventi” sfere di vitello con pinoli e olive nere su vellutata di scarole. Sbalorditive nella loro semplicità, buone belle da vedere e poi abbiamo trovato azzeccatissimo l’accostamento con la vellutata di scarola.

Sfere di vitello con pinoli e olive nere su vellutata di scarole

Sfere di vitello con pinoli e olive nere su vellutata di scarole

Il secondo antipasto è un delicato tortino di patate e zucchine su fonduta di provola fumè. Buono anche questo.

di patate e zucchine su fonduta di provola fumè

di patate e zucchine su fonduta di provola fumè

A chiudere il tris di antipasti una sorprendente zuppettina di pomodoro lievemente piccante con patate e polpettine di salsiccia. (Confesso che ho fatto anche la scarpetta, quando ce vò, ce vò!)

Zuppettina di pomodoro lievemente piccante con patate e polpettine di salsiccia

Zuppettina di pomodoro lievemente piccante con patate e polpettine di salsiccia

La serata scorre via tranquilla, intanto facciamo anche la conoscenza di Rossella la moglie di Giuseppe, gentile solare e garbata. E’ il momento dei primi. Ne scegliamo due diversi in modo da poterli assaggiare entrambi. Optiamo per un primo rosso e uno bianco.

Dei Fusilli avellinesi con julienne di melanzana, pomodorini, salsiccia e scaglie di cacioricotta. Sublimi !

Fusilli avellinesi con julienne di melanzana, pomodorini, salsiccia e scaglie di cacioricotta

Fusilli avellinesi con julienne di melanzana, pomodorini, salsiccia e scaglie di cacioricotta

L’altro primo gli agnolotti gorgonzola e noci su vellutata di patate e noce moscata, molto delicati, nel complesso buoni anche se abbiamo preferito tra le due proposte i fusilli (non a caso sono da sempre presenti nel menù perché riscuotono grandissimo successo).

Agnolotti gorgonzola e noci su vellutata di patate e noce moscata

Agnolotti gorgonzola e noci su vellutata di patate e noce moscata

Siamo davvero sazi, decidiamo di saltare il secondo ma chiedo una degustazione di Blu 61® della Casearia Carpenedo, un formaggio erborinato sbalorditivo, affinato nelle vinacce di Raboso passito e ricoperto di mirtilli, fantastico per accompagnare quel che resta del nostro vino.

Decidiamo di terminare in dolcezza con un flan al cioccolato bianco con cuore caldo, crema di cioccolato bianco a rum e frutti di bosco caramellati, anche questo fatto dal bravissimo Chef Antonio Esposito.

Flan al cioccolato bianco con cuore caldo, crema di cioccolato bianco a rum e frutti di bosco caramellati

Flan al cioccolato bianco con cuore caldo, crema di cioccolato bianco a rum e frutti di bosco caramellati

Chiediamo il conto e paghiamo in due € 65,00. Davvero un ottimo rapporto qualità prezzo.

La Grotta è un indirizzo che non può mancare sulla vostra agenda. Colpevolmente ignorato per chissà quale motivo da altre guide e giornalisti gastronomici. Questo è un posto che merita davvero! Noi gli rendiamo giustizia e lo facciamo convintamente. E’ un luogo di eccellenza, quasi un’oasi nel deserto. Ristorante ed enoteca di livello con un ottimo rapporto qualità – prezzo. Fateci un salto e ci direte, complimenti, continuate così…

 

La Grotta

Corso Umberto I, n. 176

Casalnuovo di Napoli (Na)

Tel. 081 522 4718



Loading Facebook Comments ...

Utilizzando il sito e proseguendo con la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi