Home / Cucine Templari / Cucine Regionali / Cucina nella Campania / Hosteria Le Gourmet. Sperone (Av)

- Peppino Caramiello è una garanzia

Hosteria Le Gourmet. Sperone (Av) - Paccheri con baccalà e papaccelle
Hosteria Le Gourmet. Sperone (Av) - Paccheri con baccalà e papaccelle

Hosteria Le Gourmet. Sperone (Av)

- Peppino Caramiello è una garanzia

Pin It

Domenica settembrina di sole, l’aria è frizzantina ci siamo fermati per pranzo in un posticino che abbiamo già visitato in passato: Hosteria wine bar le Gourmet.
Siamo a Sperone tra l’agro nolano e Baiano. Qui siamo già nel parco nazionale del Partenio. Arrivarci anche da Napoli è semplice con uscita sull’A16 a Tufino o Baiano.
Il locale si raggiunge facilmente. Abbiamo prenotato il nostro tavolo da due. Ci accoglie Peppino, l’oste per eccellenza, il padrone di casa.

Hosteria Le Gourmet. Sperone (Av)

Hosteria Le Gourmet. Sperone (Av)

Dentro è tutto come ricordavamo, colpisce l’aria familiare che si respira in questa bella osteria. Siamo in un palazzo del primo 900, dove un tempo c’erano i locali della vecchia società elettrica la SER. Ci sono tre sale, una più piccola (concepita per la degustazione), ben due camini, un arredo semplice ma di personalità, pavimento in antica graniglia e in alto soffitti altissimi ed antiche ed imponenti travi in legno. Insomma nel complesso un’atmosfera che invita alla intima convivialità, così come ricordavamo. Si sta davvero bene. Peppino ci accoglie con un prosecco di benvenuto.

Prosecco di benvenuto

Prosecco di benvenuto

Arriva il pane (locale), ordiniamo da bere una minerale e due calici di Sannio Barbera dell’azienda Vigne Sannite, un ottimo vino con un bel sentore fruttato e con discreta personalità.

Sannio Barbera dell’azienda Vigne Sannite

Sannio Barbera dell’azienda Vigne Sannite

All’Hosteria wine bar Le Gourmet non c’è un menù scritto, ma ogni settimana ci sono due proposte di antipasti freddi (un’ottima selezione di formaggi e salumi) e caldi (con verdure e prodotti di stagione), 3 proposte di primi, tre secondi e dessert. Insomma poche ma studiate proposte, una cucina espressa che segue la stagionalità dei prodotti.
Ordiniamo due antipasti caldi: broccoletto di bruxelles pastellato con del lardo, una torta rustica con zucchine, una parmigianina di melanzane, una mousse di ricotta con fichi e una vellutata di ceci di Cicerale.

Gli antipasti caldi

Gli antipasti caldi

Abbiamo apprezzato molto questa proposta di antipasto, fatta con verdure di stagione, tutto ottimo, nota di merito per la parmigiana.

Parmigiana di melanzane

Parmigiana di melanzane

Decisamente insolita ma accattivante ed avvolgente la mousse di ricotta e fichi.

Mousse di ricotta e fichi

Mousse di ricotta e fichi

E sorprendente il cavoletto di Bruxelles pastellato.

Cavoletto di Bruxelles pastellato

Cavoletto di Bruxelles pastellato

Il nostro pranzo prosegue tra una chiacchiera ed un calice di vino, prendiamo due porzioni di paccheri con baccalà e papaccelle. Un piatto buonissimo nella sua semplicità, ben eseguito, gustoso con una perfetta cottura della pasta. Perfetto l’abbinamento del baccalà con le papaccelle napoletane.

Paccheri con baccalà e papaccelle

Paccheri con baccalà e papaccelle

Sarà per l’ora (quasi le 15) ma siamo sazi, Peppino però ci consiglia di assaggiare un po’ di carne. Optiamo per un secondo in due. Scelgo una bistecca di maiale nero con chips di patate.

Bistecca di maiale nero con chips di patate

Bistecca di maiale nero con chips di patate

Una carne morbida, succosa, dal sapore quasi “antico”, mi ha ricordato il maiale che cucinava mia nonna. Insomma ho ritrovato il sapore della tradizione, ottime anche le chips di patate tagliate e fritte al momento, ne prendiamo ancora una porzione.

Porzione di chips di patate

Porzione di chips di patate

Chiudiamo il nostro pranzo con un dolce, un semifreddo: una cupoletta di nocciola ripiena di gianduia.

Dessert - Semifreddo cupola alla nocciola con interno di gianduia

Dessert – Semifreddo cupola alla nocciola con interno di gianduia

Accompagnata da un caffè e da un amaro alle erbe.

Amaro alle erbe

Amaro alle erbe

Chiediamo il conto e paghiamo in due 48 euro per due calici di vino, una minerale, due antipasti, due primi, un secondo, una porzione di chips  e il dessert con caffè e amaro offerti. Un ottimo rapporto qualità prezzo.

 

Hosteria wine bar le Gourmet si conferma per l’ennesima volta. Qui troverete un’osteria di buon livello, poche pietanze ma ben studiate, una cucina espressa, eseguita bene, tutte le proposte seguono i ritmi stagionali. Nota di merito per la carne (ottima) e per la scelta delle etichette e dei vini. Al resto ci pensa Peppino Caramiello, l’oste, il padrone di casa, il “cacciatore di bontà”, come ama definirsi. Infatti è lui che personalmente va alla ricerca e sceglie i prodotti, le materie prime. Indirizzo sicuro. Garanzia.

 

Hosteria wine bar le Gourmet

Via Ferrovia n.28

Sperone ( Av)
Tel . 338 215 46 56



Loading Facebook Comments ...

Utilizzando il sito e proseguendo con la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi