Home / Borghi E Itinerari / Cusano Mutri (Bn)

- Un piccolo gioiello tra Campania e Molise, sul versante sud del Matese

Cusano Mutri. Il borgo.
Cusano Mutri. Il borgo.

Cusano Mutri (Bn)

- Un piccolo gioiello tra Campania e Molise, sul versante sud del Matese

Pin It

 

Cusano Mutri. Piazza Roma.

Cusano Mutri. Piazza Roma.

Siamo in un borgo assolutamente magico, un posto dove spesso mi rifugio per piacere e per diletto, adoro perdermi tra i suoi vicoletti, salire i gradini che conducono verso la parte alta del centro storico, meravigliandomi per la visione dei tanti scorci che cambiano colore in base ai periodi dell’anno e alle ore del giorno, adoro passeggiare senza fretta in un posto che sembra immobile e fermo nel tempo e che pare dissetare l’anima, siamo a Cusano Mutri.

 

Il paese si trova sul versante sud del Matese ma ricade nella provincia di Benevento, inglobato in origine nell’antico Sannio Pentro, oggi  è al confine tra Campania e Molise, dista 20 Km dall’antica città romana di “Telesia” sul versante nord ovest in Campania e a 30 Km dall’altra città romana “Saepinium” in Molise sul versante nord est.

Cusano Mutri. Un vicolo del centro storico.

Cusano Mutri. Un vicolo del centro storico.

Cusano per chi la visita la prima volta, rappresenta una sorpresa, sembra un presepe, un borgo arrampicato su un colle con le case le une aggrappate alle altre, circondato dai monti. Per gli storici Cusano Mutri non è altro che l’antica città sannitica di Cossa, da lì poi Cosano e poi Cusano, il nome che significa coppa, ne indicherebbe anche la conformazione topografica, da cui il primitivo simbolo ideografico Q che rappresentava la cerchia dei monti che lo circondavano con la gola di Lavello che rappresenta l’unico sbocco.

Le prime notizie certe risalgono al 490 d.c. quando il Papa Felice III inviò un presbitero per officiare nella cappella del “castrum” di Cusano. La presenza della chiesa fu importantissima, con la presenza dei monaci benedettini, il borgo passò poi sotto varie dominazioni, tra cui spicca quella normanna, sotto i Normanni  il paese crebbe molto e si sviluppò anche da un punto di vista architettonico, poi si alternarono varie famiglie di feudatari, i De Vera, i De Clavellis, i Colonna, i Carafa, i Del tufo, i Leone etc etc… fino all’eversione dalla feudalità.

 

Il paese si presenta come una piccola roccaforte, con un centro storico che è un gioiello assoluto, centro pedemontano di impianto medievale, passeggiare tra le stradine e le strette scale del centro di Cusano è un’esperienza straordinaria, troverete erte, scale, piazzette, chiese, palazzi.  Entrando nel centro storico seguendo Via Roma vi troverete come d’incanto nella splendida e scenografica Piazza Roma, salendo poi i suoi gradini andrete verso la parte medievale del borgo.

Cusano Mutri. Chiesa degli Apostoli Pietro e Paolo.

Cusano Mutri. Chiesa degli Apostoli Pietro e Paolo.

Fermatevi ad assaporare il silenzio, i dettagli: le case antiche, i portali, le piazzette, le fontane. Continuando a salire e  passando sotto l’antichissima “Porta di mezzo” arriverete alla “Chiesa degli Apostoli Pietro e Paolo” e poi vi avvierete verso i ruderi in pietra del vecchio Castello e la parete di roccia viva di Piazza Lago.

L’urbanistica di Cusano è molto cara agli studiosi medievali, ma è anche molto apprezzata dai visitatori.

Il borgo è rinomato per la famosa Sagra dei funghi che si tiene ogni anno tra Settembre e Ottobre ed è capace di attirare migliaia e migliaia di visitatori da tutta Italia, e poi da segnalare la sagra dei prodotti tipici, la sagra delle castagne nella frazione di Civitella Licinio e l’infiorata.

 

Cusano Mutri. I ruderi del Castello verso piazza Lago.

Cusano Mutri. I ruderi del Castello verso piazza Lago.

 

Cusano Mutri è un paradiso per chi cerca prodotti tipici e piatti della tradizione: funghi porcini in primis, asparagi selvatici (che meraviglia quelle frittatine di asparagi selvatici che ho mangiato lì!) , formaggio , pasta fatta a mano, salumi, miele, conserve. 

Cusano Mutri poi si trova nel parco nazionale del Matese e offre bellezze naturalistiche e la possibilità di itinerari, si può fare trekking e compiere percorsi a cavallo, d’inverno si può anche sciare, nel territorio cusanese  infatti c’è un impianto rinomato (Bocca della selva) molto frequentato. Cusano Mutri è insomma un’esperienza dei sensi, ideale per chi cerca riposo, storia, natura e squisita gastronomia. Assolutamente un borgo da visitare.

Gran Maestro dei Templari del Gusto

 

 

Come arrivare a Cusano Mutri

Da Napoli : 
(Km. 75 ca.) 
Autostrada A1 (Napoli-Roma) uscita Caserta Sud, Fondovalle Isclero, direzione Telese Terme, Cerreto Sannita, Cusano Mutri. 
da Roma: 
(Km. 210 ca) 
Autostrada A1 (Roma-Napoli) uscita Caianello, superstrada Caianello-Benevento, uscita Cerreto Sannita, Cusano Mutri. 
da Bari: 
(Km. 240 ca) 
Autostrada Bari-Napoli, uscita Benevento, superstrada Benevento-Caianello, uscita Cerreto Sannita, Cusano Mutri.

 

Visita il sito web del comune di Cusano Mutri

 



Loading Facebook Comments ...

Utilizzando il sito e proseguendo con la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi